L’Ora Rossa – Il giornalista Adriano Ancona (Corriere dello Sport) a Radio 5.9: “Per i campionati di calcio pensare a soluzioni di buonsenso”

A “L’Ora Rossa” di questa sera è intervenuto è intervenuto Adriano Ancona, giornalista presso il Corriere dello Sport, con il quale abbiamo approfondito la tematica della sempre più probabile ripartenza del mondo del calcio nel mese di giugno:

“L’Uefa ha tracciato una sorta di “dead line” per tutti i campionati di calcio del continente europeo. Entro il 3 agosto sarà da consegnare una lista con tutte le squadre qualificatesi nelle competizioni continentali della stagione 2020-2021. Motivo per cui, parlando della Serie A italiana, Gabriele Gravina sarà chiamato ad emettere verdetti in tempi relativamente celeri ed ordinare di tornare in campo, qualora ve ne fossero le possibilità, non oltre il 6-10 Giugno. Entro la metà di Maggio inoltre, la Uefa pretende che tutti i campionati comunichino se ci sia o meno la volontà di tornare in campo: in alternativa, sempre con l’obbligo di emettere un verdetto ed una classifica, sarà possibile chiudere la stagione in maniera anticipata emettendo i verdetti d’ufficio.

L’Italia per il momento brancola nel buio, con posizioni differenti nei vari organismi governativi, ma una decisione dovrà essere presa non oltre il 3-4 Maggio. Credo, al momento, la soluzione più fattibile sia quella di provare ad accorpare due stagioni sportive chiudendo, non appena possibile quella interrotta, per poi riprendere immediatamente con quella successiva. Va inoltre considerato che, l’estate 2021, sarà teatro degli Europei e delle Olimpiadi rinviate a causa del Coronavirus: ragion per cui anche la prossima stagione non potrà, in nessun caso, terminare oltre Maggio 2021.

Non va dimenticato che anche le Coppe Europee 2019-2020 saranno da portare, obbligatoriamente a conclusione: per il momento rimane l’idea di giocare tutte le gare rimanenti nel mese di Agosto, permettendo sino ad allora di concludere i singoli campionati nazionali. La ritengo una tempistica molto ottimista, considerando la precaria condizione fisica con la quale si ritroveranno tutte le squadre. Parliamo di una ventina di gare da disputare in poco più di 60 giorni con giocatori fermi da oltre due mesi ed una qualità muscolare inevitabilmente calata.”

Ogni giorno alle ore 19.00 e la domenica alle ore 15.00 “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Riascolta l’intervista completa