L’Ora Rossa – Carpi, l’Assessore Stefania Gasparini a Radio 5.9: “Alle imprese servono certezze sul tema degli aiuti economici. Sostegno famiglie fondamentale per ripresa dei consumi”

A “L’Ora Rossa” di oggi è intervenuta Stefania Gasarini, Vicesindaco e Assessore alle Attività Produttive del Comune di Carpi, per un commento sulla situazione nella fase due nella Città dei Pio:

“La fase due  a Carpi sta vivendo gli stessi problemi di tutto il Paese: mi riferisco ad una ripresa economica incerta ed un tema di rispetto delle regole, più che altro di buon senso, non sempre rispettate anche se, va detto, la maggioranza dei cittadini sta dimostrando responsabilità. Serve un deciso cambio di mentalità, che parta dal presupposto di dover convivere con la presenza del virus ed il rischio di un ritorno del contagio. Vi è la necessità piena di una presa di coscienza dei rischi e del conseguente rispetto dei distanziamenti sociali e di tutte quelle responsabilità che ci possono permettere di superare questa emergenza.

Sulle tema degli assistenti civici proposti dal Ministro Boccia posso dire che essi oggi sono già stati utilizzati essendo una componente volontaria della Protezione Civile, non credo però che reclutarne 60mila all’improvviso sia il modo giusto di operare. Il terzo settore ha un ruolo specifico fondamentale per la nostra società e i volontari non possono essere coinvolti soltanto per queste attività. So che vari commercianti nella nostra provincia si stanno attrezzando con personale qualificato che controlli, ad esempio, l’esterno delle attività, in ogni caso a controllare devono essere gli organismi preposti. 

Come Amministrazione abbiamo sollevato il problema del prezzo fissato delle mascherine chirurgiche monouso. Il prezzo fissato non è sostenibile per tante imprese e se si vogliono qualità, certificazioni e produzioni Made in Italy. 

Sarà fondamentale capire, una volta terminata la possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali, il livello di tenuta delle imprese. Per salvaguardare i consumi, nell’interesse anche delle aziende più piccole e più esposte, servirà che gli incentivi al consumo siano ingenti. Servirà inoltre la certezza che le famiglie possano essere supportate a riappropriarsi con fiducia delle proprie abitudini tornando a spendere e ad investire. Ultimo fattore, ma non ultimo in termini di importanza, servono tempi e norme certe per calmierare gli investimenti: non possiamo più permetterci incertezze o titubanze con un riconoscimento, anche con finanziamento a fondo perduto, per sostenere gli ammodernamenti necessari per riaprire.”

Ogni giorno alle ore 19.00, dal lunedì al sabato,  “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Riascolta l’intervista completa