Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

La Virtus domina la Bertram Tortona (99-70)

Scritto da il 4 Dicembre 2023

Nella foto Virtus di Matteo Marchi : Jordan Mickey grande protagonista della vittoria contro la Bertram Tortona

Virtus Segafredo Bo vs Bertram Tortona = 99-70 1°q 29-17 2q 47-36  3q 72-54   arbitri : ROSSI M. – GRIGIONI V. – VALLERIANI D.

Virtus Segafredo Bo : Cordinier 11  Lundberg 9  Belinelli(k)  10  Pajola n.e. Dobric 11  Mascolo 4  Cacok 10 Shengelia 16 Hackett 9  Menalo 0  Mickey  14 Polonara  5  all.re Banchi

Bertram Tortona  : Zerini n.e. Tandia 0  Baldi n.e. Dowe 8  Candi 8 Errica  n.e. Baldasso 18  Severini 0  Obasohan 7  Weems  8 Thomas  13  Radosevic 8   all.re Ramondino

L’abbraccio a Weems e Polonara episodi toccanti del match

C’era un tempo la Bertram Tortona definita da Scariolo la criptonite della Virtus, ormai da una stagione la squadra di Ramondino non fa più paura e La Virtus l’affronta a viso aperto. Ieri sera, complice anche l’assenza di Daum trasferitosi all’Efes, i Piemontesi non sono stati un ostacolo difficile anche per merito di una Virtus motivata e in grado di giocare la pallacanestro corale come aveva chiesto il suo coach. La partita non resterà negli annali del bsket giocato ma ha vissuto due momenti veramente preziosi : l’abbraccio a Kyle Weems al su ritorno a Bologna e il ritorno di Achille Polonara inaspettato nei tempi (meno di due mesi dalla diagnosi della malattia) e nei modi : l’ala azzurra non solo era a referto ma ha giocato quasi otto minuti e ha addirittura segnato una tripla che in gare ufficiali gli mancava addirittura dal torneo pre mondiale.

La Virtus vince facendo un ampio turnover

Costretto da alcuni acciachi (Pajola, Abass e Smith) e dall’anagrafe di Dunston, Luca Banchi propone una Virtus più Italiana e giovane.  Alla fine entreranno tutti e 12, ripartendo i minutaggi con equilibrio e anche i giocatori in campo si adeguano costruendo una vittoria di squadra. Ottime risposte il coach ha avuto da Cordinier e Mickey apparsi in ottima condizione dopo gli acciacchi, Mascolo con quasi venti minuti ha potuto togliere un pò di ruggine dagli ingranaggi, stesso discorso per Dobric e Cacok positivi entrambi, insomma c’è stata gloria per tutti in una serata che, la forza granitica della difesa Virtus ha fatto diventare festosa.

La Bertram abbastanza deludente

Tortona quest’anno non è lontana parente della semifinalista dello scorso anno. Ramondino ha molto da lavorare ancora per assemblare la squadra e adesso gli hanno tolto pure la punta di diamante Daum dopo che, in estate, erano stati avvicendati Macura e Christon. Insomma il coach Campano è bravo ma le nozze coi fichi secchi sono un problema. Ieri sera i bianco neri sono vissuti sulle triple di Baldasso, che fosse un tiratore non c’erano dubbi, e sulla bravura del trio Weems, Thomas e Radosevic, gli unici a tenere un pò il passo della Virtus. Malissimo Severini (0 punti in 24′) incredibile per un giocatore da nazionale che qualcuno avrebbe visto volentieri con la canotta della Virtus : partito il titolare del ruolo di ala forte quale miglior occasione per dimostrare il proprio valore ?

E’ stata una gara mai in discussione

Al di là delle aspettative e paure Virtussine per episodi passati, la gara è filata via liscia e la Bertram è stata un’ avversaria arrendevole, mai in vantaggio la squadra di Ramondino ha visto la Virtus andare subito in fuga e non ha mai dato l’impressione di poter reagire come testimoniano i parziali dei 3 quarti. In qualche occasione lo svantaggio è sceso alla cifra singola ma Baldasso & c. non hanno mai dato l’impressione di poter veramente rientrare. Indubbiamente decisiva la percentuale nel tiro pesante  54% a 25%  che ha permesso alle Vnere di scavare il solco e giocare una gara tranquilla.

In testa alla Lba si riforma la coppia Virtus Germani

Le contemporanee sconfitte di Venezia e Napoli, al comando del campionato si è riformata la coppia Bologna – Brescia, indubbiamente le formazioni più continue e che, fin qua, hanno mostrato la pallacanestro migliore. La notizia del giorno è tuttavia, inutile negarlo, la quinta sconfitta in dieci gare dell’Armani Milano. Le fatiche dell’Eurolega spiegano molto, l’assenza di Billy Baron altrettanto (ma il roster è sterminato), tuttavia è il modo in cui arrivano le sconfitte. D’accordo che giocare alle 12 non sia il massimo per degli atleti non abituati ma il primo quarto bianco rosso ieri è stato imbarazzante. Il 50% ai liberi, 1 su 13 dall’arco, tante palle perse, un passivo 0-12 dopo 4′, 3 falli immediati di Shields, insomma il museo degli orrori. Più di tutto però sono i volti dei giocatori a spiegare tutto : guardare per credere. Ieri sera da Politburo meneghino è filtrata la voce delle ennesime dimissioni di Messina che, questa volta sarebbero state valutate se non accettate. Ci sarebbe già una piccola lista di nomi di sostituti in cima alla quale ci sarebbero due molto noti come Scariolo e Trinchieri. Milano è attesa domani sera al Bmw Park di Monaco per giocare col Bayern, non c’è molto tempo…

 

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *