Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Vicenza: “Ci sto? Affare fatica!”: si è chiuso con il botto

Scritto da il 1 Agosto 2022

Progetto rivolto ai giovani vicentini dai 14 ai 19 anni

 

“Ci sto? Affare fatica!”

Foto Sito Comune di Vicenza

Vicenza – “Ci sto? Affare fatica!” – Si è concluso nella giornata del 29 luglio con una festa al centro Lagorà di Laghetto l’edizione 2022. Il progetto è promosso per il quarto anno dal Comune di Vicenza con la collaborazione di Cooperativa Tangram e il sostegno della Fondazione Panciera. Un’edizione con numeri record che ha visto la partecipazione di 120 giovani a fronte di un totale di 198 iscrizioni. Gli iniziali 90 posti a disposizione sono stati infatti ampliati per consentire al numero maggiore possibile di ragazzi di prendere parte al progetto. Una risposta notevole anche rispetto al 2021 che ha visto 80 partecipanti. Il progetto è stato rivolto ai giovani vicentini dai 14 ai 19 anni, compresi anche i tredicenni che hanno concluso la terza media, che durante l’estate hanno voluto prendersi cura della propria città, sperimentando capacità personali e acquisendo nuove competenze.

Vicenza – Le parole dell’assessore all’istruzione e alle politiche giovanili Cristina Tolio

Rispetto a quella del 2021, ha visto una partecipazione maggiore di giovani che vogliono prendersi cura della propria città e che, sotto la supervisione di esperti, si sono cimentati in lavori artigianali lavorando in gruppo. La buona volontà e, perché no, un pizzico di divertimento sono stati la base per fare in modo che il progetto si chiudesse con la piena soddisfazione di tutti, degli organizzatori e dei ragazzi prima di tutto. La vera novità di quest’anno è stata la capacità di includere con successo anche giovani con delle fragilità. I numeri parlano chiaro e dimostrano che le attività rivolte ai giovani se valide e interessanti sono vincenti. È stata una esperienza non solo formativa ma anche di crescita personale di cui, sono fermamente convinta, i giovani hanno bisogno.

 

Impegno dei giovani partecipanti

Sono stati coinvolti dal 4 al 29 luglio 2022, dalle 8.30 alle 12.30, dal lunedì al venerdì, in svariate attività settimanali di cura del bene comune. Il filo rosso dell’edizione di Vicenza di quest’anno è stata la cura e manutenzione in primis dei giardini e parchi interni alle scuole dell’infanzia comunali. Si è dato spazio al carteggio e la tinteggiatura di giostrine, staccionate, ringhiere e panchine. Inoltre si è svolta la manutenzione e rivitalizzazione di alcuni parchi pubblici, con la tinteggiatura e il decoro della cabina elettrica del parco di via Scaramuzza e il carteggio e colore di panchine e ringhiere del parco di via Rossini. A ciascuna scuola dell’infanzia e nido comunale è inoltre stata dedicata una panchina rossa a riprova dell’impegno dell’amministrazione nel contrasto alla violenza di genere.

 

A ciascun partecipante è stato consegnato un “buono fatica” settimanale del valore di 50 euro. Buono da spendere in servizi e negozi di abbigliamento, alimentari, libri, cartoleria, sport e tempo libero che hanno aderito al progetto. L’edizione di Vicenza ha contato quest’anno anche sulla collaborazione con il Coordinamento provinciale Autismi Vicenza. Il tutto in aggiunta alla già rodata collaborazione con i servizi sociali territoriali. Questo ha permesso la partecipazione al progetto di circa il 30% di ragazzi e ragazze con fragilità.

 

 

Taggato come