Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Progresso-Carpi 1-0: biancorossi spreconi, decisivo un gol beffardo di Selleri

Scritto da il 26 Novembre 2023

Il Carpi inciampa contro il Progresso

 

Carpi

Fonte foto: Torelli-A.C. Carpi

 

Dopo 2 vittorie consecutive tenendo la porta inviolata, il Carpi perde per 1-0 contro il Progresso e si mangia le mani per le occasioni cestinate, soprattutto nel primo tempo e nei minuti finali di una ripresa deludente. I rossoblù di Castel Maggiore festeggiano allo Stadio Weisz grazie a Selleri, fortunato nel superare un non perfetto Rinaldini al 21′ con un beffardo tiro-cross.

L’A.C. scende dal quarto al sesto posto nel Girone D di Serie D e resta fermo con 21 punti, a -7 dal Ravenna primo (28).

Il prossimo impegno sarà domenica 3 dicembre alle 14:30 allo Stadio Cabassi contro la Sammaurese.

 

Formazioni ufficiali

Vullo schiera il 3-4-1-2: in porta Bizzini; in difesa Hasanaj, Biguzzi e Ferraresi; a centrocampo Mele, Corzani, Francesco Rossi e Ghebreselassie; in attacco Selleri dietro Matta e Barbieri.

Serpini si presenta con il 4-3-1-2: in porta Rinaldini; in difesa Verza, Frison per l’infortunato Rossini, Calanca e Cecotti; a centrocampo D’Orsi, Mandelli e Forapani; in attacco Cortesi a supporto di Saporetti e Sall.

 

Primo tempo

Dopo appena 30 secondi Saporetti strappa e serve Mandelli che calcia alto da buona posizione. Al 15′ Cortesi innesca Sall e Bizzini, con una tempestiva uscita, rimedia al posizionamento troppo alto della difesa.

Nonostante la fragilità, il Progresso è combattivo e al 21′ va a sorpresa in vantaggio: Mele da rimessa laterale allunga sul fondo destro per Selleri che prova un tiro-cross, mal letto da Rinaldini che tocca la palla con la punta delle dita e si fa scavalcare. Il Carpi spreca al 27′ con Sall che spara alto da zero metri su assist di Saporetti. 

La fortuna non sorride ai biancorossi: al 38′ Calanca lancia Sall che in area colpisce il palo con Bizzini rimasto di sasso. Al 42′, su una giocata insistita, a Frison viene annullato per fuorigioco il pari su passaggio di Cortesi. Si va all’intervallo senza recupero.

 

Secondo tempo

Serpini mantiene il 4-3-1-2 e fa una doppia sostituzione: fuori Verza (in difficoltà contro Ghebreselassie) e Frison (autore di qualche leggerezza), dentro Tcheuna e Bouhali. Mandelli quindi va al centro della difesa ad affiancare Calanca.

L’iniziativa è del Carpi, ma i ritmi sono bassi rispetto al primo tempo e le occasioni (a parte un destro a lato di Forapani al 50′) scarseggiano. Il Progresso lotta, impantana le azioni degli ospiti e cerca di perdere tempo quando riesce.

Al 60′ Larhrib entra per Cortesi, poi al 67′ ecco Arrondini per Forapani. Ferraresi al 74′ svirgola un rinvio e ostacola Sall, il cui tocco costringe Bizzini alla presa affannosa. Il subentrato attaccante Di Piedi al 77′ spreca il raddoppio, sventato alla disperata da Mandelli e Calanca.

Il Carpi, senza Serpini espulso all’81’ per proteste, si rivede all’85’ con Arrondini che colpisce l’esterno della rete. Bizzini sale in cattedra all’87’ con una grande parata all’angolino su un sinistro dal limite di Saporetti. D’Orsi batte il corner e Calanca di testa non inquadra la porta.

Vengono concessi 6′ di recupero a causa di svariate perdite di tempo. Il Progresso difende l’1-0 con ordine e senza rischiare.

 

Post-partita di Progresso-Carpi 1-0

. Cristian Serpini, allenatore del Carpi.

Oggi era un crocevia importante per noi e lo abbiamo fallito. Non ci sono alibi o scuse. Sono tornati fuori i nostri fantasmi. Abbiamo sbagliato tanto e preso un gol abbastanza imbarazzate. Certe situazioni già le abbiamo vissute e questa non era la risposta che dovevamo dare. Devo solo chiedere scusa. Non siamo riusciti a sbloccarla per demerito nostro e alla lunga, mettendo tanti attaccanti in campo, ci siamo fatti prendere dalla foga. La Società è giusto che valuti e prenda decisioni. Queste cose non dovevano più succedere e sono riaccadute. Giustamente tutti ci dobbiamo sentire messi in discussione“.

 

La conferenza stampa di mister Serpini

 

 

TABELLINO (Serie D Girone D 2023-2024 – 13a giornata – Andata)
PROGRESSO-CARPI 1-0 (1-0 p.t.)
Reti: 21′ Selleri (P).

PROGRESSO (3-4-1-2): Bizzini 7; Hasanaj 6,5, Biguzzi 6, Ferraresi 6 (73′ M. Cocchi 6); Mele 6,5 (79′ Pinelli s.v.), Corzani 6,5, F. Rossi 6,5, Ghebreselassie 6,5 (56′ S. Cocchi 6); Selleri 6,5; Matta 5,5 (82′ Georgiev s.v.), Barbieri 5,5 (62′ Di Piedi 5). A disp.: Cheli, Cantelli, Panzacchi, Benini. All.: Vullo 6,5.

CARPI (4-3-1-2): Rinaldini 4; Verza 4 (46′ Tcheuna 5), Frison 5 (46′ Bouhali 5), Calanca 5, Cecotti 4,5; D’Orsi 5, Mandelli 5,5, Forapani 5 (67′ Arrondini 5); Cortesi 5 (60′ Larhrib 5); Saporetti 5, Sall 4. A disp.: Mat. Rossi, Sabattini, Ofoasi, Mas. Rossi, Quarena. All.: Serpini 5.

Arbitro: Andrea Giordani di Aprilia.
Ammoniti: Calanca (C), Ferraresi (P), Sall (C), Bizzini (P), Corzani (P), S. Cocchi (P).
Espulsi: 81′ Serpini (all. C) per proteste.
Recupero: 0′ p.t.; 6′ s.t.

 

Pagelle top

Progresso 6,5: dopo il sorprendente 2-0 in trasferta contro il Corticella, ecco un’altra pesante vittoria. In parte fortunata (visti gli sprechi del Carpi e la difesa spesso colpita in verticale) e in parte meritata (i ragazzi di Vullo hanno giocato di cuore, con tutti i limiti che possono avere). Sugli scudi il 37enne numero 10 Selleri, autore di un gol che nemmeno si aspettava, leader tecnico e autentico riferimento in ogni zona; il roccioso Hasanaj (incontrista adattato in difesa); un centrocampo agguerrito; e il portiere Bizzini che all’85’ si è veramente superato su un tiro inventato dal nulla da Saporetti. Ora i rossoblù prendono fiato in zona Play-out.

 

Pagelle flop

Carpi 4: una sagra di orrori ed errori da non credere. Rinaldini ha combinato la frittata buttandosi dentro un cross di Selleri. La difesa ha ballato più per ingenuità proprie. Centrocampo lento, impreciso e superato continuamente nei contrasti. Attacco che ha sprecato molto nel primo tempo (specialmente con Sall), è sparito dai radar nel secondo nonostante l’abbondanza di elementi e si è ricordato di calciare in porta solo tra l’85’ e l’88’. Se non si vince contro una formazione in zona retrocessione e se non si approfitta degli sbagli delle dirette concorrenti (Ravenna, Forlì, Imolese, Victor San Marino, Pistoiese e Fanfulla), allora diventa quasi impossibile rimontare in campionato.

Gli attaccanti del Progresso 5: a volte ci sono partite dove le punte, per esigenze di sacrificio, sono “condannate” a non vedere la porta.

 

 

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *