L’Ora Rossa – L’avvocato penalista Cosimo Zaccaria a Radio 5.9: “Responsabilità penale del datore di lavoro in caso di contagio da coronavirus”

A “L’Ora Rossa” di questa sera è intervenuto Cosimo Zaccaria, avvocato penalista e cofondatore dello Studio Zaccaria Rotella & Associates, per commentare la delicata tematica della responsabilità penale del datore di lavoro in caso di contagio da coronavirus:

“Oggi non solo le aziende in senso stretto ma i datori di lavoro tutti, quindi artigiani, commercianti, liberi professionisti e così via sono interessati dalla tematica  della responsabilità penale in caso di contagio da coronavirus. Già l’articolo 2087 del Codice Civile ha desunto il principio della “massima sicurezza tecnologicamente possibile” a cui devono attenersi gli imprenditori nella gestione della sicurezza dei dipendenti. Concetto ribadito dall’Articolo 18 del Decreto 81 del 2008 in materia di sicurezza, dove si prevede che il datore di lavoro ha l’obbligo di valutare i rischi per la sicurezza dei lavoratori adottando tutte le misure di sicurezza a tutela degli stessi. 

In data 14 marzo 2020 poi è stato stipulato un protocollo tra le parti sociali più rappresentative volto proprio a definire le misure di contrasto al coronavirus negli ambienti di lavoro.

In concreto questo dovere di maggior attenzione, che se non attuato può causare responsabilità anche in campo penale, implica l’obbligo del datore di lavoro di aver valutato il rischio di contagio e messo in campo tutte le azioni di tutela. Questo passaggio dovrà passare dalla realizzazione e all’aggiornamento di specifici protocolli operativi, la redazione dello stesso dovrà essere realizzata con la supervisione del medico del lavoro. Inoltre sarà necessaria formazione e informazione attiva dei collaboratori, in pratica non basterà mettere fogli all’ingresso indicanti le regole.  La messa a disposizione dei dispositivi non sarebbe sufficiente se non accompagnata da un monitoraggio e controllo attivo da parte del datore di lavoro. 

Il mancato rispetto delle disposizioni può determinare un procedimento penale a prescindere dal fatto che vi siano o meno contagiati. Ma se oltre alla violazione vi fosse un caso di contagio si potrebbe andare da un procedimento penale per lesioni colpose aggravate in caso di malattia che porterà a guarigione oppure, addirittura, per omicidio colposo aggravato nel caso in cui vi sia il decesso del dipendente. 

Mai come in questo momento si è chiamati ad un’attività di prevenzione che non sia solo sulla carta. Oggi le imprese devono prevenire possibili situazioni di rischio affidandosi a professionisti esperti in materia che le tutelino dai pericoli di una sottovalutazione del rischio.” 

Ogni giorno alle ore 19.00 e la domenica alle ore 15.00 “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Riascolta l’intervista completa