L’Ora Rossa – Il Presidente di CNA Modena Claudio Medici a Radio 5.9: “Priorità salute ma le imprese vanno tutelate. Importante continuare a pagare i fornitori”

A “L’Ora Rossa” di questa sera è intervenuto Claudio Medici, presidente CNA Modena, con cui abbiamo analizzato le problematiche che si stanno trovando ad affrontare le piccole e medie imprese del territorio:

“CNA ha messo in campo una task force, composta da un “pool” di 24 operatori che lavorano in maniera telematica specialmente, con l’obiettivo di aiutare le aziende ad orientarsi nel mare di indicazioni locali, regionali e nazionali che stanno emettendo regole e decreti. Abbiamo presentato, fra tante iniziative, 6 mila domande per il ricevimento del famoso contributo di 600€ dedicato alle partite iva e ordinato mascherine e materiale protettivo per 400 imprese della sola provincia di Modena. Si tratta solo dei numeri più eclatanti ma rimangono molteplici le iniziative di CNA al fianco dei propri consociati.

Le aziende sono ovviamente in difficoltà: pensate come nel distretto ceramico, vi siano realtà che hanno semplicemente chiesto di poter spedire quanto già prodotto, ma restano in attesa di un cenno a livello governativo per poter caricare i camion. Oggi abbiamo due priorità: la salute prima ma, poi, non far morire, una volta usciti dall’emergenza sanitaria, le nostre imprese. A questo proposito, nella più rigida osservanza nelle norme per la protezione personale, abbiamo la necessità di richiedere con celerità di poter riprendere l’attività.

Trovo che l’annullamento delle imposte, al posto dell’attuale congelamento annunciato, non sia una misura praticabile, considerando il tasso di indebitamento di uno Stato come il nostro. Agli imprenditori consiglio di essere “freddi”: superare il dubbio, cercando di sfruttare le occasioni che arriveranno in queste settimane per poter ripartire, anche cambiando mentalità. Io penso ai ristoratori, agli operatori turistici, che stanno affrontando un momento drammatico, con pochi sbocchi, ma ai quali serve un nuovo piano per ridare slancio al settore.

Un’ultima riflessione la pongo sull’importanza di non lasciare in sospeso i pagamenti con i fornitori per garantirci, a nostra volta, di essere pagati. E’ importante non fermare il circuito dei pagamenti per non incappare in danni che nemmeno le opere più drastiche messe in campo da qualsiasi Governo potrebbero poi risolvere. Va assolutamente arginata la marea di licenziamenti e di chiusure che questo periodo rischia di imporre: il pericolo potrebbe essere quello di una marea di lavoratori in nero che metterebbero a repentaglio l’intera tenuta del sistema paese.”

Ogni giorno alle ore 19.00 e la domenica alle ore 15.00 “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Riascolta l’intervista completa