Le interviste di Speak & Roll, le dichiarazioni di Martinoni (Jb Monferrato) e Bonacini (Mantova)

 

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, l’ala grande della Novipiù Jb Monferrato e il playmaker della Staff Mantova Davide Bonacini hanno presentato la sfida di mercoledì sera tra Monferrato e Mantova.

Niccolò Martinoni (ala grande Novipiù Jb Monferrato): “Con Milano è stata una gara dai due volti, l’Urania è sempre una squadra difficile da affrontare in trasferta. L’infortunio di Redivo nel secondo quarto ha inciso tanto sulla nostra prestazione, ma per il resto abbiamo commesso qualche errore nel finale. Non possiamo però recriminare troppo, ci sono tante partite in arrivo e dobbiamo rimanere concentrati. Redivo è un giocatore fondamentale per noi: non mi piacciono le scuse, ma la sua assenza ha inciso nel secondo tempo con Milano.

È stata una stagione funestata dalla sfortuna, abbiamo avuto tanti acciacchi e infortuni oltre a qualche caso di covid-19. Non è facile allenarci al completo per noi, ma andiamo avanti a testa alta forti della buona posizione di classifica. Adesso ci aspettano due mesi molto intensi sul piano delle partite, tutto è possibile in questo campionato molto incerto. Abbiamo comunque dimostrato di restare nella metà alta della classifica e possiamo continuare così, questo è il nostro obiettivo.

Mantova è un’ottima squadra e i recenti risultati lo dimostrano. Gli Stings hanno avuto un momento difficile, ma ne è uscita ed è per questo che per noi non sarà semplice. Mi aspetto una gara intensa e sporca in cui vincerà la squadra che curerà tanto i dettagli”.

Davide Bonacini (playmaker Staff Mantova): “L’unico rammarico della partita con Verona è non essere riusciti a ribaltare la differenza punti della sconfitta dell’andata. Era comunque importante vincere per il morale e per confermare la buona prova di Udine. Siamo tutti contenti, è questa la strada da percorrere per toglierci altre soddisfazioni. Abbiamo svolto un ottimo lavoro in difesa, da quando è arrivato Di Carlo abbiamo lavorato tanto sulle collaborazioni difensive. In pochi giorni è riuscito a darci un importante imprinting difensivo che siamo riusciti a mettere in campo con Udine e Verona. C’era la faccia giusta da parte di tutti, la difesa deve essere la nostra forza.

Da inizio campionato abbiamo concesso troppi rimbalzi offensivi. È una questione di testa, con Verona siamo stati bravi a rimanere concentrati concedendo poco a Verona limitando al massimo gli errori.

Coach Di Carlo lo conosco dall’anno scorso quando subentrò a Montegranaro. È un allenatore che quando arriva in corsa dà tante motivazioni, è molto preparato e ha tanto carisma. Grazie anche al suo lavoro siamo usciti da un periodo piuttosto negativo.

Le prossime tre sfide sono scontri diretti, dobbiamo confermare le prove positive con Verona e Udine. Pensiamo una partita alla volta, Monferrato sta facendo un ottimo campionato. Redivo? È il go-to-guy dei piemontesi, ma è una squadra che ha una identità solida e che si affida ad un ottimo coach e ad un gruppo di italiani che si conosce da anni. Dobbiamo ridurre sempre di più gli errori in difesa e migliorare nel gioco in transizione e sforzarci di eseguire meglio in attacco nelle fasi più avanzate della partita”.

 

(Foto Federico Tamassia)