Le interviste di Speak & Roll, le dichiarazioni di David Weaver (Mantova) e Stefano Bossi (Milano)

 

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, il playmaker dell’Urania Milano Stefano Bossi e il centro della Staff Mantova David Weaver hanno raccontato le loro impressioni in vista della partita di mercoledì sera tra Milano e Mantova.

Stefano Bossi (playmaker Urania Milano): “Nelle ultime partite siamo riusciti a trovare un po’ di continuità, a differenza della prima fase del campionato. Siamo in un buon momento anche il rinvio della partita con Trapani ha un po’ interrotto la nostra inerzia. Ci faremo comunque trovare pronti per la sfida con Mantova, puntiamo a migliorare sempre di più. L’inizio di stagione è stato condizionato da varie positività al covid che ci hanno colpito in più momenti. Per questo abbiamo avuto difficoltà ad allenarci con continuità per almeno un mese e mezzo. Nel momento in cui ci siamo lasciati il covid alle spalle, abbiamo iniziato a conquistare risultati importanti.

Puntiamo ad arrivare tra le prime sei quadre ed è un obiettivo raggiungibile guardando la classifica attuale. La graduatoria è però molto corta e bisogna guardarsi anche alle spalle.

A Milano mi sto trovando molto bene come società e gioco. Sono contento della mia scelta, in estate ho avuto manifestazioni d’interesse in A1, ma ho preferito rimanere in A2 a Milano per questioni di ambizioni e per la mia carriera.

Mantova? Onestamente dispiace che la sconfitta dell’andata contro di noi sia costata la panchina a coach Di Paolantonio. Di quella gara ricordo un ambiente biancorosso non troppo sereno. Mantova è una bella piazza in cui mi piacerebbe giocare in futuro. È stata costruita una buona squadra, ma forse per problemi di chimica stanno mancando i risultati. Al pari di Udine e Verona, credo che Mantova possa ambire ad una posizione di classifica migliore. Con Treviglio ho visto una Staff diversa rispetto alla gara d’andata con noi, è più aggressiva nei pick&roll e si affida tanto a Ceron”.

David Weaver (centro Staff Mantova): “Con Treviglio è arrivata una brutta sconfitta. È stata una battaglia tra due grandi squadre, ci siamo presentati bene alla partita. Abbiamo giocato una gara solida e puntiamo a riscattarci con Milano. Le tante triple segnate da Treviglio hanno fatto la differenza. Nonostante la buona difesa, subire le bombe avversarie ci hanno fatto perdere un po’ di fiducia durante la partita.

Nelle ultime partite è comunque migliorata l’intensità difensiva e nella lettura dei giochi. Ciò ci ha consentito di centrare tre vittorie consecutive e se riprenderemo a giocare alto livello in difesa possiamo vincere con chiunque in campionato.

Credo che la classifica non riveli esattamente il nostro valore. Siamo una squadra forte, ma abbiamo  ottenuto meno di quello che potremmo meritare. Questo però dimostra che bisogna scendere in campo ogni volta con la massima concentrazione. Possiamo migliorare la nostra situazione nelle prossime partite.

Di Carlo è un ottimo coach e ha grande esperienza. Ha allenato in A1 e si è confrontato con club europei, è un allenatore che chiede tanto ai suoi giocatori soprattutto in difesa.

Finora mi sto trovando bene in Italia, ho sempre desiderato giocare nel vostro paese. Mi piace il livello della competizione e mi fa piacere essere agli Stings.

Con Milano all’andata fu una gara difficile, l’Urania è una squadra forte e con tanto talento. Ora però noi abbiamo un’identità diversa e sarà interessante vedere come risponderà Milano ai nostri cambiamenti. Noi abbiamo voglia di riscatto dopo la sconfitta di tre settimane fa. Mi aspetto una gara molto fisica, l’Urania cercherà di difendere il fattore casalingo, dovremo essere molto concentrati se vorremo riprendere a vincere dopo Treviglio”.

 

(Foto Federico Tamassia)