Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

La Virtus alla distanza cede al Fenerbahce 88-75

Scritto da il 25 Gennaio 2024

Nella foto Virtus di Matteo Marchi : Iffe Lundberg protagonista di un grandissimo 1° tempo, spento lui si è spenta la Virtus, nonostante l’impegno straordinario di tutti

Virtus Segafredo Bo vs Fenerbahce finale = 88-75 1Q 21-25  2Q 52-47  3Q 71-56 arbitri :  BOLTAUZER,  LATISEVS,  BITTNER.

Fenerbahce : Motley 23   Hazer  n.e.  Wilbekin  15  Sanli  8  Papagiannis 7  Mahmutoglu 0  Noua  9  Guduric 10  Dorsey 4  Calathes  5  Madar 7      all. Jasikevicius

Virtus Segafredo Bo :  Cordinier  11  Lundberg 17  Pajola 7  Mascolo n.e.  Lomazs  1  Hackett  11 Menalo  n.e.  Mickey 7  Polonara 0 Zizic 5  Dunston 4  Abass 12    all. Banchi

da 2 Fener  26 su  38, 68,4  %   Virtus 17 su 42 , 40.6 % ; da 3 Fener 7  su  22,  31,8 % Virtus 8 su 17 , 47,1  %   ; falli commessi   Fener 29 Virtus 22 ;  tiri liberi Fener 15 su 19 , 78,9  %,   Virtus 17 su 27, 63 % ;

rimbalzi Fener  34 ( 6  off) Virtus  32 ( 10  off) ;  palle perse Fener  11  Virtus 10 ;   palle recuperate Fener  4 , Virtus 5 ; assist Fener  17  Virtus  15 ; valutazione Fener  97  Virtus  75        .

La Virtus resta in partita il 1° tempo

Che fosse una partita complicata penso fosse evidente a tutti già prima della palla a due, La Virtus l’ha intepretata bene nel primo quarto e parzialmente nel secondo (seppur terminato 31 a 22 per i Turchi), il break decisivo la squadra di Jasikevicius l’ha costruito nei primi 8′ del terzo quarto in cui le Vnere hanno subuto un parziale di 14 a 4 e chiudendo di fatto il discorso sulla vittoria in questa gara. Restavano 12 minuti per tentare, almeno, di mantenere la differenza canestri (+8 a Bologna) ma la squadra di Banchi ha subito l’aggressività fisica dei turchi che alla fine hanno ingaggiato una vera caccia all’uomo nei vari duelli uno contro uno e il Fenerbahce ha ottenuto la doppia vittoria :  i 2 punti in classifica e anche la differenza canestri che, in caso di arrivo a pari punti, darà ai giallo neri la posizione avanti alla Virtus.

Ancora una volta Motley un rebus per la Virtus

Peccato per Jonathan Motley uno dei 3 centri turchi che la Virtus venga soltanto due volte l’anno. Il 28enne Usa ha in Eurolega 11,3 p.ti a partita di media, con 4 rimbalzi. A Bologna ne mise 25 (19 nel 1° tempo), questa sera 23 in 28′ con ben 11 rimbalzi di cui 3 in attacco. La sua prestazione ha tenuto a galla la squadra Turca nel 1° e 2° quarto quando la Virtus ha avuto 9 punti di vantaggio (21-30) e il Fenerbahce è arrivato al bonus con 8′ ancora sul cronometro. Qui la Virtus ha commesso un paio d’ingenuità e disattenzioni gravi e un antisportivo di Pajola (costretto al fallo da un brutto passaggio ricevuto in attacco) son costati 7 punti in un amen.

Dietro a Motley sono saliti alla ribalta un pò tutti quelli attesi, i soliti noti. Wilbekin 15 punti ma 3 su 12 dall’arco, Sanli e Papagiannis rispettivamente 1 e 2 triple nei momenti importanti, buon impatto anche di Noua l’ex Tortona, Guduric ha confermato le proprie qualità.

La Virtus tanto cuore ma le assenze hanno pesato

Un ottimo Lundberg specie nel 1° tempo, Cordinier il migliore come valutazione, Abass grandissima difesa su tutti e alla fine anche su Papagiannis in post basso, i due centri Dunston e Zizic inutile dire che hanno sofferto terribilmente Motley che ha caratteristiche che per i due uomini Virtus molto problematiche. Banchi ha tentato di costringere,  con Zizic vicino a canestro, Motley a commettere falli (il suo punto debole) però Jasikevicius ha usato e alternato una zona match up che ha limitato i danni.

Daniel Hackett è stato il solito guerriero, Mickey è stato risucchiato sotto canestro dalla fisicità dei Turchi ed è stata una lotta impari. Pajola ha messo due triple importanti ma i falli lo hanno limitato molto e Banchi lo ha tenuto in campo solo 12′.

La Virtus tira meglio da 3 del Fenerbahce ma non basta

La squadra di Jasikevicius tira col 31,8% dall’arco contro il 47,1% Virtussino ma lapercentuale da 2 e i tiri liberi sono costati alla Virtus il match. Il Fener ha tirato da 2 con il 68,4% contro il 40,6% della Virtus e ai liberi col 78,9% contro il misero 63% della Virtus. La differenza nel punteggio è tutta lì perchè la Virtus ha tenuto a rimbalzo e negli assist, ha perso un pallone in meno.

Gli arbitri : come da copione

Ancora una volta con Boltauzer la Virtus non ha fortuna e questa volta l’arbitro sloveno non ha dovuto nemmeno faticare tanto. I blocchi di Motley sono in movimento e da punire ma non ne sono mai stati fischiati mentre è stato punito Mickey per un blocco assolutamente regolare. In ogni caso la gara era probabilmente segnata già prima d’iniziare, quindi meglio questa terna stasera che in una gara casalinga.

Il post partita di Luca Banchi

Una partita che il Fenerbache ha giocato con maggiore continuità per tutti i 40 minuti. Siamo davvero dispiaciuti per il modo in cui siamo entrati in campo nel terzo periodo, come prevedibile con l’urgenza di migliorare qualcosa a livello difensivo. Perché, ovviamente, nei primi 20 minuti abbiamo sofferto la presenza sotto canestro di Motley poi, nel terzo periodo, il livello della loro aggressività, la crescita, la maggiore fisicità che non abbiamo superato come previsto e come preparato, ha fatto si che perdessimo la nostra disciplina, quella che ci ha permesso nei primi 20 minuti di giocare precisi in attacco. Siamo diventati più esitanti senza condividere la palla in modo corretto e questo ha dato al Fenerbahce la possibilità di indirizzare la partita verso di loro. Dobbiamo andare avanti e sfruttare questo tipo di momento della partita per trovare la consistenza per competere e rimanere in gara, perché credo che, soprattutto nel primo tempo e poi naturalmente durante l’ultimo quarto, per tre quarti della partita siamo stati abbastanza solidi per stare qui e fare la nostra partita


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *