Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Carpi-Sammaurese 4-0: poker senza storia al Cabassi

Scritto da il 3 Dicembre 2023

Il Carpi asfalta la Sammaurese e accorcia a -5 sul Ravenna

 

Carpi

Fonte foto: Lugli-A.C. Carpi

 

Il Carpi si lascia alle spalle il deludente KO per 1-0 contro il Progresso battendo per 4-0 la Sammaurese, giunta alla quinta sconfitta consecutiva. Al Cabassi il dominante poker dei biancorossi (vestiti con un completo nero) è stato costruito equamente nei due tempi dai gol di Tcheuna (37′), Saporetti (44′), Mandelli (50′) e Sall (60′).

L’A.C. ritorna al quinto posto nel Girone D di Serie D con 24 punti, a -5 dal Ravenna primo (29) e bloccato al Benelli sullo 0-0 dal Progresso.

Il prossimo impegno sarà domenica 10 dicembre alle 14:30 allo Stadio Morgagni contro il Forlì.

 

Formazioni ufficiali

Magistro, vice dello squalificato Serpini, si presenta con il 4-3-1-2: in porta torna Viti (mancava dall’esordio contro il Prato ed è reduce da un infortunio al ginocchio); in difesa Tcheuna, l’adattato Bouhali, Calanca e Cecotti; a centrocampo Forapani, Mandelli e D’Orsi; in attacco Cortesi dietro Saporetti e Sall.

Taccola schiera il 4-3-3: Molinaro in porta; in difesa Bolognesi, Morri, Scanagatta e Iodice; a centrocampo Tamai, Campagna e Nisi; in attacco Gasperoni e Cecconi ai lati di Maltoni.

 

Primo tempo

Dopo pochi secondi Saporetti dal limite chiama Molinaro alla grande parata in tuffo a terra. Viti riprende confidenza con la porta parando le conclusioni insidiose da fuori di Campagna e Gasperoni tra il 3′ e il 5′.

Al 19′ Cortesi triangola con Sall e trova l’uscita tempestiva di Molinaro. Sall al 27′, su una sponda aerea di Cecotti deviata da Campagna, calcia di piatto clamorosamente a lato davanti a Molinaro. La Sammaurese pensa solo a coprirsi e ripartire, peccando sempre in lucidità.

Il Carpi è assoluto padrone del gioco e va finalmente in vantaggio al 37′: D’Orsi tira dalla stessa mattonella di Saporetti in avvio di gara, Molinaro lascia la respinta e Tcheuna arriva puntuale per insaccare.

Saporetti spreca il raddoppio al 42′ a tu per tu con Molinaro su un lancio di Mandelli. Il 10 si vendica al 44′ con una magia: un destro da fermo dal limite che si insacca sotto l’incrocio più lontano, lasciando Molinaro di stucco. Si va all’intervallo sul 2-0 dopo 2′ di recupero.

 

Secondo tempo

Il Carpi fa 3-0 già al 50′ con un mancino rasoterra in diagonale di Mandelli, entrato con agilità in area sulla sinistra.

Il regista mette il piede anche nel 4-0 al 60′ di Sall, pescato con un calcio di punizione telecomandato e questa volta cinico contro Molinaro.

La Sammaurese è ormai al tappeto e la partita scorre tra la girandola di sostituzioni e pochissimi altri sussulti, fino alla fine dei 5′ di recupero.

 

Post-partita di Carpi-Sammaurese 4-0

. Mirko Magistro, vice-allenatore del Carpi. 

Abbiamo fatto la prestazione che volevamo e sono venute fuori tutte le cose provate in settimana. A volte capitano giornate dove gli episodi non girano, come contro il Progresso dove siamo stati imprecisi. Oggi invece è andato tutto bene e siamo contenti. Ora ci serve continuità nelle prestazioni. Viti ha giocato la ripresa con un leggero fastidio, però riusciva a restare in porta. A Bouhali bastano un paio di indicazioni e sa come comportarsi, anche in un ruolo inedito come il centrale di difesa“.

 

. Aimen Bouhali, centrocampista del Carpi. 

La squadra ha messo in pratica quello che ha chiesto il mister, dopo un confronto molto schietto avuto in settimana. Non c’è più tempo per le parole. Tutte le partite sono da affrontare con la stessa determinazione vista oggi. Rispetto alla gara contro il Progresso, ho visto un Carpi con più fame di vittoria e voglia di far girare gli episodi a suo favore. Questo campionato lo vincerà chi sarà più continuo. Nel Lentigione qualche volta ho giocato da terzino, ma non avevo mai fatto il difensore centrale. Io cerco sempre di dare il massimo e, se c’è bisogno, credo di poter giocare in difesa tranquillamente“.

 

La conferenza stampa di Bouhali e del vice-allenatore Magistro

 

 

TABELLINO (Serie D Girone D 2023-2024 – 14a giornata – Andata)
CARPI-SAMMAURESE 4-0 (2-0 p.t.)
Reti: 37′ Tcheuna (C), 44′ Saporetti (C), 50′ Mandelli (C), 60′ Sall (C).

CARPI (4-3-1-2): Viti 6; Tcheuna 6,5, Bouhali 6,5, Calanca 6, Cecotti 6 (86′ Sabattini s.v.); Forapani 6, Mandelli 7 (77′ Ofoasi s.v.), D’Orsi 6,5 (65′ Larhrib 6); Cortesi 6 (59′ Rossi 6); Saporetti 6,5, Sall 6,5 (80′ Quarena s.v.). A disp.: Rinaldini, Verza, Laamane, Arrondini. All.: Magistro 6,5.

SAMMAURESE (4-3-3): Molinaro 5; Bolognesi 4, Morri 4, Scanagatta 4, Iodice 5 (77′ Sedioli s.v.); Tamai 5 (54′ Misuraca 5), Campagna 5, Nisi 4 (54′ Montesi 5); Gasperoni 5, Maltoni 4 (72′ Di Novella 5), Cecconi 5 (54′ Capicchioni 5). A disp.: Ravaioli, Casadei, Gambino, Guidi. All.: Taccola 4.

Arbitro: Alessandro Angelo di Marsala.
Ammoniti: Iodice (S), Mandelli (C), D’Orsi (C), Tcheuna (C).
Espulsi: nessuno.
Recupero: 2′ p.t.; 5′ s.t.

 

Pagelle top

Carpi 7: buona prova/risposta da parte di tutta la squadra dopo la traumatica caduta contro il Progresso. La vittoria è stata legittimata tra la fine del primo tempo (chiuso preventivamente sul 2-0) e l’inizio della ripresa. Mandelli è stato ispiratore della manovra, marcatore del tris e assist-man per Saporetti e Sall (volati a 7 e 6 gol in questa Serie D). Bene Bouhali in versione difensore centrale, nonostante due leggerezze che hanno fatto ammonire Mandelli e D’Orsi. Rapace Tcheuna nell’aprire il tabellino (3 reti per il russo-camerunese, la stessa quantità della scorsa stagione a Corticella). Viti ha rischiato qualcosa sui tiri da fuori in apertura di Campagna e Gasperoni, poi non è stato più sollecitato a causa della pochezza dei rivali.

 

Pagelle flop

Sammaurese 4: una delle compagini caratterialmente più deboli passate dal Cabassi. In nessun momento i romagnoli hanno dato la sensazione di poter creare serie difficoltà. La quinta sconfitta consecutiva accentua la crisi dei ragazzi di Taccola, passati da un avvio campionato sorprendente (considerando anche gli addii di vari totem come Merlonghi, Scarponi, Gaiola, Casadio e Bonandi) a un crollo verticale verso i Play-out.

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *