Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

L’orchestra Virtus suona anche a Vitoria 81-91

Scritto da il 14 Dicembre 2023

Nella foto Virtus di Matteo Marchi : Isaia Cordinier uno dei grandi protagonisti della vittoria alla Buesa Arena contro il Baskonia

Baskonia Vitoria vs Virtus Segafredo Bo – finale = 81-91 1°q 15-24  2q 43-42  3q 60-63  arbitri LATISEVS, NIKOLIC, HADZIC

Baskonia Vitoria : Howard 11  Mannion n.e. Raieste 0  Chiozza  0  Sedekerskis 7  Marinkovic 9 Miller-Mcintyre 10  Diez 0 Rogkavopoulos 11 Diop 4 Kotsar  13 Moneke 16       all.re Ivanovic

Virtus Segafredo Bo : Cordinier 12  Lundberg 1 Belinellli 27 Pajola 9  Smith n.e. Dobric 2  Cacok 4  Shengelia  16 Hackett 6 Polonara 0 Dunston 6   Abass 8   all. Banchi

da 2 Baskonia 15 su 34, 44,1 %  Virtus  19 su 36 , 52,8 % ; da 3 Baskonia 11 su 29 , 37,9 %  ; Virtus 13 su 27, 48,1 % ; tiri liberi  Baskonia 18  su 25, 72 % ;  Virtus 14 su 16, 87,5 %  ; falli commessi Baskonia 22      Bologna 18 ;  rimbalzi Baskonia  37 ( 10 off) Virtus 34 ( 5  off) ;  palle perse Baskonia 9 , Virtus 7 ; palle recuperate Baskonia 5 ,Virtus 4 ; assist Baskonia  18 Virtus 26 ; valutazione Baskonia 93  Virtus 110

La Virtus vince una gara difficile da squadra vera

Partita bellissima tra due squadre in grande salute, la Virtus la vince con straordinari meriti riuscendo a giocare più di squadra degli avversari. Tutti uniti in difesa, tutti bravi a passarsi la palla e a mandare a canestro sempre l’uomo nelle migliori condizioni di farlo, gli uomini di Banchi. Con Dunston in condizioni precarie per un’influenza che l’aveva colpito ieri, le Vnere hanno giocato una gara di sofferenza contro una formazione che aveva vinto 7 delle ultime otto e l’unica sconfitta era arrivata in casa col Monacò di soli 2 punti. Questa sera la Virtus ha sorpreso la squadra d’Ivanovic con un primo quarto in cui ha condotto anche di 14 punti (10-24 a 1’39) in cui Marco Belinelli è stato il mattatore con 12 punti. Nel  secondo quarto, il più difficile per Bologna, la situazione si è completamente ribaltata e i padroni di casa hanno impattato e messo il naso avanti finendo in testa di 1 (43-42). Il terzo quarto si è giocato all’insegna del grande equilibrio e solo nel finale una zampata di Abass ha permesso di chiudere avanti 60-63. La Virtus è stata brava a reggere l’urto con il secondo quintetto, il Baskonia ha subito la difesa Virtussina che ha mandato fuori giri il cecchino Howard e ha limitato i rimbalzi d’attacco dei rosso blu che, nel 2° quarto, avevano trovato punti facili con 9 punti da rimbalzo d’attacco. Nel 4° quarto la Virtus ha sempre tenuto il comando nel gioco e nel punteggio e la squadra di Ivanovic non è più riuscita a trovare i propri consueti punti di riferimento a causa della straordinaria difesa bolognese. Alla fine lo scarto in doppia cifra punisce forse eccessivamente i padroni di casa ma la Virtus conquista una vittoria più che legittima da grande squadra.

Belinelli, Shengelia e Cordinier in attacco sono inarrestabili

Detto che i bianco neri hanno giocato una gara di straordinaria efficacia sui due lati del campo, in attacco il capitano (anche lui febbricitante), Shengelia e Cordinier sono stati un enigma irrisolto per la difesa Basca. Ma tutti quelli che Banchi ha messo in campo hanno risposto con grande coraggio e determinazione, giocando di squadra ma utilizzando i propri solisti nei momenti topici del match. Oltre ai 3 citati Hackett, Dunston e Pajola hanno portato in dote punti, assist e difesa, Dobric e Lundberg hanno garantito difesa, purtroppo il Danese ancora con le polveri bagnate mentre Abi Abass 8 punti in nove minuti è entrato con la faccia giusta, ha difeso bene su Moneke e alla fine anche il “55” è stato determinante per la vittoria. Devontae Cacok ha avuto 16′ ha segnato 4 punti sugli scarichi, ha difeso bene sul proprio uomo in modo disciplinato. Un altro piccolo passo dell’americano verso la chimica di squadra, questa sera è stato utile alla causa e anche lui ha contribuito alla vittoria.

Serviva un’impresa per vincere a Vitoria

Si era detto alla vigilia che il Baskonia era la squadra più in forma dell’Eurolega. La squadra di Ivanovic anche nella sconfitta ha dimostrato il proprio valore e le proprie qualità. Ci voleva una Virtus solida e determinata per conquistare i due punti e la squadra di Banchi ha riconfermato che in Eurolega non sarà facile per nessuno batterla, con questa fanno 3 vittorie nelle ultime 3 gare.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *