Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Le interviste di Speak & Roll, le dichiarazioni di Mario Ghersetti (Staff Mantova) e Fabio Valentini (Monferrato)

Scritto da il 23 Febbraio 2021

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, il playmaker della Jb Monferrato Fabio Valentini e il capitano di Mantova Mario Ghersetti hanno raccontato le proprie impressioni in vista della gara di mercoledì sera alla Grana Padano Arena.

Fabio Valentini (playmaker Novipiù Jb Monferrato): “La sconfitta con Udine ci fa male, abbiamo pagato le elevate percentuali degli avversari com’è successo in tante delle ultime partite. Udine ci ha punito da tre punti, ma è vero anche che stiamo parlando di una squadra con rotazioni lunghe e con tanto talento. Veniamo da un periodo molto difficile, abbiamo perso per infortunio anche Lucio Redivo che è uno dei nostri giocatori migliori. Abbiamo avuto un’annata davvero difficile dal punto di vista degli infortuni, non ci siamo praticamente mai allenati al completo. In più giochiamo ogni tre giorni e questo non ci aiuta.

L’assenza di Redivo è un problema da inizio stagione, ha già passato diversi infortuni da inizio stagione. Questa situazione ci porta a cambiare il nostro assetto e ci limita nelle rotazioni. Dobbiamo scendere in campo giocando senza eccessive pressioni e pensando che sia la prima giornata del campionato. Dobbiamo giocare il nostro basket e dare il massimo.

Il cambio di guida tecnica? L’addio di coach Ferrari è stato inaspettato, mi è dispiaciuto molto. Non mi aspettavo la sua scelta, ma la rispetto. È un allenatore che mi ha dato tanto e mi ha fatto crescere. La gara d’andata con Mantova? Mi ricordo una partita equilibrata per tre quarti, poi gli Stings furono bravi a imporre una maggiore fisicità. Noi facciamo fatica ad essere continui contro difese così solide. Dobbiamo limitare gli errori dell’andata e provare a sbloccarci”.

Mario Ghersetti (centro Staff Mantova): “Al di là del brutto terzo quarto con Milano, nelle ultime partite abbiamo dimostrato una buona crescita. È un momento particolare della stagione, ci sono tante partite ravvicinate e in più stiamo seguendo un nuovo coach. Abbiamo però le qualità per fare bene, siamo una squadra unita nello spogliatoio, ma non lo riusciamo a dimostrare in campo in tante occasioni. Nel secondo tempo con Milano è forse mancata un po’ di lucidità, ma questo non deve essere una scusa. Ci è mancata la forza mentale, è un peccato perché avremmo potuto vincere. Ora non c’è più tempo, dobbiamo cominciare a vincere e raccogliere ciò che questa squadra merita. Ceron è un giocatore importante per le nostre rotazioni e ci è mancato nelle ultime due partite, ma da Monferrato tornerà disponibile.

Coach Di Carlo sta lavorando tanto sulla disciplina e il rispetto delle regole nel campo. Nel momento in cui riusciremo ad essere uniti sul parquet allora potremo fare un passo in avanti notevole e giocarcela con tutte le squadre.

I nostri obiettivi non cambiano, puntiamo sempre ai playoff e alla miglior posizione possibile in classifica. Non ci meritiamo il posizionamento attuale, possiamo fare decisamente meglio. All’andata con Monferrato avevamo messo in campo una difesa molto solida, possiamo difendere molto bene di squadra. Ci presentiamo alla sfida di mercoledì con tanta voglia di riscatto per riprenderci i due punti per l’ambiente e la società. Come noi, anche Monferrato deve vincere, ma dobbiamo far valere le nostre motivazioni”.

 

(Foto Laura Marmonti)

 

[metaslider id=”14514″]