Il Napoli vince la sua sesta Coppa Italia: in città esplode la grande festa

Una stagione particolare per il Napoli, iniziata con grandi proclami e vissuta invece sul filo del fallimento sino all’arrivo del tecnico Gennaro Gattuso. Da quel momento ha avuto inizio un nuovo corso, che ha visto gli “azzurri” ricominciare a correre, specialmente in Coppa Italia, sino ad alzarla al cielo nella fresca serata romana di ieri. La sesta Coppa Italia vinta nella storia del club porta in dote una gioia incontenibile e la contestuale qualificazione alla prossima edizione dell’Europa League. E’ un rigore del centravanti Arkadius Milik, unito alla super prova dell’estremo difensore Alex Meret, a piegare le resistenze di una Juventus apparsa più grigio tintaunita che bianconera.

La gioia dei napoletani

In città nei vicoli dei Quartieri Spagnoli, alla Sanità, nella zona di Piazza Dante i tifosi si sono affacciati ai balconi per festeggiare, sparando fuochi d’artificio e urlando cori, mentre i ragazzi sugli scooter hanno dato il via ai caroselli.

Erano oltre circa cinquemila le persone scese in piazza. I giovani si sono subito lanciati nell’acqua della fontana, cantando cori con menzioni particolari per gli attaccanti Mertens, Insigne. Fuochi d’artificio e fumogeni rossi hanno accompagnato la festa notturna, con centinaia di ragazzi in scooter hanno girato per le vie circostanti suonando i clacson. Tra i cori il più gettonato è stato il “chi non salta è juventino” che accompagna la rivalità sportiva con i bianconeri.

Il commento del Primo Cittadino

Un commento, in merito ai tanti assembramenti avvenuti nella serata di ieri lo ha espresso anche il sindaco Luigi de Magistris: ”Ieri sera ha vinto il contagio della felicità”, ha detto.