Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Carpi, sabato commemorazione dell’eccidio avvenuto nella “curva Cattania”

Scritto da il 24 Gennaio 2024

Sabato 27 la commemorazione dell’eccidio avvenuto nella “curva Cattania”, metà martiri rimasti ignoti perché sfigurati

 

 

 

Emilia-Romagna, Carpi Sabato 27 gennaio la città ricorderà l’eccidio di antifascisti avvenuto a Quartirolo nel 1945, nei pressi della curva Cattania, luogo dal quale ha preso il nome, con un programma promosso dall’Amministrazione comunale insieme al “Comitato per la Memoria”.

L’appuntamento è alle9:15 nella citata curva (via Carlo Marx), dove il Sindaco Alberto Bellelli, deporrà una corona al Cippo dei Caduti, e don Antonio Dotti impartirà la benedizione, alla presenza di una delegazione di alunni della secondaria di primo grado “Guido Fassi”; alle 9:45 sarà poi deposta una corona al sacrario dei Mariti della Resistenza nel cimitero di Santa Croce (via Chiesa di Santa Croce); alle 10 infine, di fronte alla scuola primaria “Colonnello Lugli” (stessa via) sarà deposto un mazzo di fiori presso la stele commemorativa dei caduti; seguiranno letture di brani e pensieri degli scolari sul progetto “Emilia Levi”, la bimba milanese di cinque anni, transitata di Fossoli e morta ad Auschwitz, citata da Primo Levi all’inizio di “Se questo è un uomo”. Alla piccola ebrea arrestata dai fascisti e trucidata dai nazisti è dedicata la mostra “Le mille Emilia”, curata dagli alluni della “Colonnello Lugli” e visitabile nel loro plesso dal 29 al 31 gennaio.

I vari momenti della commemorazione di sabato saranno accompagnati come di consueto dal Corpo Bandistico “Città di Carpi”.

 

L’eccidio 

La notte tra il 26 e il 27 gennaio 1945, a Modena, i fascisti prelevarono dal carcere di Sant’Eufemia 32 persone per un’esecuzione sommaria: a Quartirolo i repubblichini le legarono due a due con filo di ferro, li ammazzarono e lasciarono sul posto i cadaveri per tre giorni, impedendo a chiunque di avvicinarsi.

Diciassette corpi, resi irriconoscibili dalle sevizie e dalle torture subite, non furono mai identificati e rimangono a tutt’oggi sconosciuti. Nella lapide che li ricorda nel luogo del massacro, c’è solo un numero progressivo.

Fra i trentadue martiri c’erano il carpigiano Sergio Manicardi e il sappista Giorgio Bortolomasi, poi insignito della medaglia d’oro al valor militare.

 

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *