Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Forlì-Carpi 2-1: Babbi al 90′ punisce gli errori di mira dei biancorossi

Scritto da il 10 Dicembre 2023

Il Carpi pecca di cinismo e il Forlì si rilancia, Ravenna a -6

 

Carpi

Fonte foto: Torelli-A.C. Carpi

 

Il Carpi torna a mostrare la faccia sprecona che lo ha caratterizzato in tutto questo girone di andata e perde per 2-1 in rimonta al 90′ contro il Forlì. Al Morgagni i biancorossi hanno fatto anche i conti con la mala sorte in un ottimo primo tempo: gol annullato al 7′ a Sall per un dubbioso fuorigioco dopo un palo di Cortesi, vantaggio al 20′ di Saporetti e occasioni fallite da Forapani e Cortesi (traversa al 39′). Nella ripresa al 67′ Greselin pareggia per il Forlì, tornato in vita e ugualmente messo in difficoltà da Rossi, sul quale al 72′ Pezzolato (con l’aiuto della traversa) ha compiuto la parata del pomeriggio. Poco prima dei 5′ di recupero Babbi, entrato all’84’, ha completato la rimonta dei Galletti con un contropiede estemporaneo.

L’A.C. scivola al settimo posto nel Girone D di Serie D e resta fermo con 24 punti, a -6 dal Ravenna primo (30) e bloccato in Toscana sullo 0-0 dal fanalino Certaldo (i giallorossi avevano pareggiato con lo stesso risultato una domenica fa contro il Progresso). Il Forlì vola a 25 e si mantiene in corsa per le prime posizioni.

Il prossimo impegno sarà domenica 17 dicembre alle 14:30 allo Stadio Cabassi contro l’Imolese, appaiata al Carpi con 24 punti, battuta per 1-0 in casa dal Victor San Marino (secondo a quota 29) e reduce da ben 3 sconfitte consecutive.

 

Formazioni ufficiali

Antonioli schiera il 4-3-3: in porta Pezzolato; in difesa Masini, Drudi, Maggioli e Diego Rossi; a centrocampo Prestianni, Gaiola e Casadio; in attacco Mosole e Greselin ai lati di Merlonghi.

Magistro, vice dello squalificato Serpini, si presenta con il 4-3-1-2: in porta debutta Lorenzi; in difesa Tcheuna, Bouhali, Calanca e Cecotti; a centrocampo Forapani, Mandelli e D’Orsi; in attacco Cortesi dietro Saporetti e Sall.

 

Primo tempo

Dopo 7′ Cortesi entra con agilità in area sulla destra, il suo diagonale si stampa sul palo, Sall insacca la ribattuta, però tutto viene annullato probabilmente per un fuorigioco attivo di Saporetti, tra le vibranti polemiche dei biancorossi. Al 12′ Lorenzi sventa con elasticità un gran tiro verso l’incrocio di Greselin.

Il Carpi mostra tanta intensità e al 20′ va in vantaggio: Sall sulla destra salta Prestianni e Gaiola, sfonda tra Rossi e Maggioli, Pezzolato respinge corto il cross del senegalese e Saporetti segna con un piatto mancino. Al 27′, su un passaggio sporco di Saporetti, Forapani spreca il raddoppio calciando a lato in area.

Cortesi è tra i più mobili e al 39′ fa vibrare la traversa con un destro di controbalzo che aveva scavalcato Pezzolato. Si va all’intervallo sull’1-0 carpigiano dopo 1′ di recupero.

 

Secondo tempo

Il Forlì inizia la ripresa con foga. Al 54′ Bonandi (che aveva appena rilevato Prestianni) da 25 metri muove l’esterno della rete. Il primo cambio del Carpi è Massimiliano Rossi per un esausto Cortesi. Antonioli al 65′ inserisce in attacco anche Barbatosta per Mosole.

Al 67′, un minuto dopo una parata complicata di Pezzolato su Sall (Saporetti era pronto per cogliere il rimbalzo), ecco il pareggio del Forlì: Bonandi di testa spizza per Greselin, bravo a scartare Forapani e a bucare Lorenzi con un forte destro dal limite.

I Galletti premono e Barbatosta al 70′ colpisce da fuori l’esterno della rete. Al 72′ Pezzolato con una mano manda sulla traversa una capocciata di Rossi (su cross di Forapani) diretta all’incrocio. Le due squadre pagano la stanchezza, concedono alcuni spazi e sbagliano molto in costruzione.

Nel finale il Forlì sembra senza fiato, viene messo all’angolo (Pezzolato vola su Forapani all’85’) e rischia il rigore (trattenuta di Masini su Saporetti all’88’). La beffa arriva invece per il Carpi al 90′ con un incredibile contropiede che vale il 2-1: Merlonghi scavetta la difesa alta e lancia Babbi, entrato all’84’ per Greselin, tenuto in gioco da Calanca e freddissimo davanti a Lorenzi.

Gli abbondanti 5′ di recupero volano via senza regalare altre occasioni, nemmeno dopo il disperato ingresso di Arrondini per Forapani al 93′.

 

Post-partita di Forlì-Carpi 2-1

. Riccardo Motta, direttore sportivo del Carpi.

Credo che siamo sulla strada giusta. Questa partita di grande agonismo doveva essere chiusa quando bisognava chiuderla, contro un Forlì che ha le nostre stesse ambizioni. I dettagli fanno la differenza e oggi abbiamo perso in maniera immeritata. Il gol annullato a Sall devo rivederlo e credo che sia un abbaglio totale del guardalinee. Nell’1-1 la rimessa era nostra… Ecco perché dico che i dettagli fanno la differenza, poi sta a noi essere solidi e concentrati contro giocatori forti come Gaiola o Merlonghi. Non siamo riusciti a tenere la palla con qualità e ci siamo abbassati troppo. Lorenzi ha giocato perché lo meritava, si è allenato bene in settimana e non ha sentito la vibrazione del debutto quando gli hanno detto che sarebbe stato titolare. Sul mercato dobbiamo lavorare su diversi fronti, per esempio in difesa dove siamo contati. Siamo tutti arrabbiati e dispiaciuti, quindi dovremo trasformare tutto questo in grinta e cattiveria agonistica. Secondo me, le qualità ci sono“.

 

La conferenza stampa del direttore sportivo Motta

 

 

TABELLINO (Serie D Girone D 2023-2024 – 15a giornata – Andata)
FORLÌ-CARPI 2-1 (0-1 p.t.)
Reti: 20′ Saporetti (C), 67′ Greselin (F), 90′ Babbi (F).

FORLÌ (4-3-3): Pezzolato 7; Masini 5, Drudi 5, Maggioli 5, D. Rossi 5,5; Prestianni 4,5 (52′ Bonandi 6), Gaiola 6, Casadio 4,5 (56′ Pecci 6); Mosole 5 (65′ Barbatosta 5), Merlonghi 6,5 (94′ Tafa s.v.), Greselin 7 (84′ Babbi 7). A disp.: Zamagna, Checchi, Graziani, Valentini. All.: Antonioli 6,5.

CARPI (4-3-1-2): Lorenzi 6,5; Tcheuna 5, Bouhali 5 Calanca 5, Cecotti 5 (71′ Sabattini 6); Forapani 6,5 (93′ Arrondini s.v.), Mandelli 6,5, D’Orsi 6,5 (85′ Larhrib s.v.); Cortesi 6 (60′ M. Rossi 6); Saporetti 6, Sall 6. A disp.: Rinaldini, Laamane, Verza, Ofoasi, Quarena. All.: Magistro 6.

Arbitro: Fabio Franzò di Siracusa.
Ammoniti: Maggioli (F), Pecci (F), Babbi (F).
Espulsi: nessuno.
Recupero: 1′ p.t.; 5′ s.t.

 

Pagelle top

Greselin e Babbi (Forlì) 7: decisivi in tempistiche diverse e protagonisti della sostituzione che ha deciso il match. Greselin da ala sinistra è stato il più insistente nelle giocate offensive dei romagnoli e ha realizzato il pari al 67′. Babbi è entrato all’84’ proprio per l’ex Rimini e gli sono bastati pochissimi minuti per fare il 2-1 su invito di Merlonghi. Terzo gol in campionato dopo quelli nelle vittorie contro Pistoiese e Victor San Marino, tutti da riserva.

Pezzolato (Forlì) 7: spesso le folate del Carpi e le mezze incertezze della sua difesa lo tengono in ansia. Fa la sua parte compiendo una miracolosa parata su un colpo di testa di Rossi al 72′ e un volo su Forapani all’85’. 

Lorenzi (Carpi) 6,5: buon esordio per il 17enne prodotto del vivaio della Reggiana. Al 12′ toglie dall’incrocio una magia di Greselin. Nessuna colpa sulle reti subìte.

Antonioli (all. Forlì) 6,5: viene premiato dai cambi e vince con qualche sprazzo di fortuna. Vittoria pesante per restare nel gruppo che insidia il Ravenna.

Bonandi e Merlonghi (Forlì) 6,5: gli ex Sammaurese garantiscono esperienza, qualità e sacrificio, oltre ad un assist ciascuno. L’ingresso di Bonandi ha dato qualcosa in più.

Il centrocampo del Carpi 6,5: il consolidato trio Forapani-Mandelli-D’Orsi ha garantito per oltre un’ora dominio del campo, palloni smistati con maestria e chiusure energiche. 

 

Pagelle flop

Prestianni e Casadio (Forlì) 4,5: hanno patito l’alta intensità dei rivali di reparto per tutto il primo tempo. Le prime modifiche di Antonioli sono partite da loro.

La difesa del Forlì 5: nonostante la presenza di un totem come Drudi (arrivato a ottobre dopo tanta Serie B e C), la retroguardia forlivese non ha dato la sensazione di essere solidissima, specialmente nella sofferta prima frazione.

La difesa del Carpi 5: ha retto bene, andando oltre l’eterna emergenza di centrali. Purtroppo è crollata vicino al traguardo, quando il pareggio sembrava sia giusto che stretto.

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *