Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Domani iniziano i play off della Virtus : arriva l’Happy Casa Brindisi

Scritto da il 12 Maggio 2023

nella foto Virtus : Kyle Weems, al 4° anno alla Virtus, da domani disputerà il suo 3° play off con le Vnere, nel 2021 fu mvp di gara 3 a Bologna

La stagione Italiana della Virtus entra nel vivo

Con la sua settantesima partita ufficiale, entra nel vivo domani la stagione della Virtus. Iniziano infatti i play off della Lba e quindi si comincia a fare sul serio dopo la stagione regolare, adesso ogni gara avrà un enorme valore e i margini di errore sono ridotti al lumicino, perdere una partita può significare, come minimo, sprecare energie in vista del futuro. Alla Virtus com’è noto è toccata Brindisi e soltanto il futuro (già tra 24 ore) ci dirà se, ad esempio, abbia pescato un’avversaria migliore di Pesaro o Brescia (come sarebbe stato fino all’ultimo quarto di Scafati).

La squadra di Vitucci viene da una stagione luci ed ombre

Brindisi negli ultimi campionati è sempre arrivata nelle posizioni di rincalzo rispetto alle due big. Il capolavoro lo compì nel 2021 quando concluse la stagione regolare davanti alla Virtus ma pagò duramente gli effetti della pandemia per un focolaio Covid, la Virtus che poi avrebbe vinto lo scudetto la spazzò via con un secco 3 a 0. Brindisi sciupò senza sue colpe la grande occasione di competere per una finale scudetto. Lo scorso anno invece, dopo un campionato in cui fu falcidiata dagli infortuni, non arrivò a qualificarsi per i play off. In questa stagione per lungo tempo è rimasta fuori dalla zona play off ma, col ritorno del suo giocatore simbolo D’Angelo Harrison e dopo la vittoria in rimonta (dal -24) proprio contro la Virtus ha svoltato la propria stagione e ha acciuffato la penultima posizione dei play off.

Per l’occasione una presentazione esauriente di Sergio Scariolo

In sede di presentazione di gara 1 Sergio Scariolo ha rilasciato le seguenti dichiarazioni e risposto alle domande dei media :

Incominciamo i play off arrivandoci un po’ di rincorsa dal punto di vista fisico, ma con eccellenti sensazioni dopo questa settimana di lavoro con la squadra: ritengo che siamo pronti. Dovremo esserlo, ma anche consci che ci saranno tante difficoltà da superare, anche perchè c’è questa pessima cultura sportiva di pensare che le cose siano sempre facili e scontate e che la squadra migliore debba per forza vincere: questo non è scontato, dato che se cosi fosse noi dovremmo ritirarci dal campionato perché teoricamente non lo siamo. Abbiamo questa volontà di competere al meglio ma la coscienza che abbiamo anche delle condizioni fisiche  ancora da migliorare c’è e aumenterà nel corso delle partite. Domani i 12 che consideriamo più idonei scenderanno in campo, pur avendo fatto capire alla squadra che non c’è nulla di scolpito nella roccia: ci possono essere aggiustamenti dovuti ad infortuni, sperando non ce ne siano, ma anche di scelte tecniche e tattiche in base alla nostra forma e agli avversari. Siamo partiti con una definizione chiara dei ruoli, delle rotazioni e delle presenze ma mi riservo la necessità e il diritto di fare aggiustamenti.

Teodosic? Ci sarà, anche se avrà ovviamente limitazioni sul suo impiego, ma ha una intelligenza talmente superiore da rientrare subito nelle dinamiche di squadra: fisicamente bisognerà dosarlo. Anche i compagni dovranno riabituarsi ad averlo in campo e all’inizio magari non sarà cosi facile essere al suo ritmo perchè abbiamo giocato due mesi senza di lui: dovranno essere pronti e anche capaci di coprire i suoi punti deboli.

Il futuro? Personalmente sono concentratissimo su questi playoff. Raramente ho avuto cosi tanta voglia di competere e di vincere pur con grande coscienza di essere di rincorsa e siamo con tutta l’umiltà di chi insegue, quindi affronteremo le partite una per una: senza dubbio affronteremo ogni partita con il massimo della concentrazione e solo dopo pensare a quella successiva. Quando sentiremo la sensazione che stia tornando, che ci si sta allenando bene, dovremo avere nella testa la consapevolezza che non possiamo volare troppo alto e che i momenti difficili arriveranno. Li affronteremo con classe, maturità, esperienza e soprattutto di squadra perché è il principio fondamentale.

Brindisi? Una squadra con una chiara vocazione nel gioco in velocità, seconda squadra per la velocità e frequenza dei suoi possessi, attacca bene il contropiede ed è eccellente negli 1v1 sia fronte che spalle a canestro oltre ad essere una delle migliori squadre a rimbalzo d’attacco. Sono anche molto forti mentalmente, capaci di ribaltare un risultato come amaramente ricordiamo. Hanno anche grandi realizzatori capaci di ottime strisce di tiro molto efficaci, allenata ottimamente, con un certo equilibrio dentro e fuori, con ruoli ormai ben definiti per cui molto temibile.

La nostra condizione va valutata più su un discorso collettivo. Qualcuno oltre alla miglior forma deve recuperare anche il miglior ritmo come ad esempio Isaia che è un giocatore che ci è mancato di più, perchè è stato fuori più di tutti e la sua assenza è stata devastante, fisicamente sta bene, ma deve ancora capire bene quando accelerare e quando invece frenare: preferisco che capisca quando frenare, perchè un giocatore che ci dà talmente tanto quando va al massimo, che possiamo tollerare un numero circoscrivibile di errori. Forse avere un giorno in più a disposizione per riposare aiuti determinati giocatori, ma è difficile stabilire se sia un vantaggio o uno svantaggio, mentre da un punto di vista tattico la partita la prepari in un giorno. Abbiamo fatto per tutto l’anno partite dal venerdì alla domenica o dal giovedì al sabato. Ma penso che il consiglio migliore sia pensare alla prima partita poi se hai due giorni, un giorno puoi fare terapie, lavorare a livello tattico e il secondo giorno avere un pochino più di energia negli allenamenti perchè hai un pochino più di benzina nel serbatoio.

Altri club? Io ho chiesto e informato la Società di questa intervista con i Raptors. I Raptors hanno chiesto il permesso alla Virtus per realizzare questo incontro, sono arrivati ieri, sono ripartiti questa mattina. E’ stata una buona chiacchierata, quasi con amici perché con loro ho vinto un titolo: credo che le cose siano state fatte in maniera corretta e alla luce del sole. La Virtus ha dato senz’altro il suo ok, in NBA nessuno farebbe questo tipo di domanda, talmente è alta l’abitudine della professionalità e dell’etica di ciascuno. Ho detto ai miei giocatori proprio oggi che, il giorno della finale dell’Europeo fino a poco prima della partita stavo seguendo l’allenamento della Virtus, mandando le correzioni ai miei assistenti, per cui la mia concentrazione è al massimo qui, con grande voglia e motivazione. Sento una buona connessione con la squadra, sono contento della settimana ed è il momento  di divertirsi, a me diverte competere, mi diverte il momento in cui ti giochi qualcosa, è sempre stato il mio momento, è quello per cui desideri vivere e ora è arrivato. Il futuro per me è domani, gara1 vs Brindisi.

I lunghi hanno dato segnali confortanti, le scelte sono queste, soprattutto tra Jaiteh e Mickey valuteremo a livello tattico e valuteremo in base ai nostri altri quattro e ai nostri avversari, soprattutto nel ruolo di cinque. Ho fiducia in Bako, più giovane con meno esperienza ma molto utile quando chiamato in causa. Non è definitiva, è la scelta di partenza, ma se dovesse diveltarlo significa che entrambi hanno continuato a trasmetterci buone sensazioni.

Di Madrid? Non dico nulla perché non c’è nulla da dire.

La percezione generale? Accettiamo la nostra dimensione con umiltà e con senso della realtà. La dimensione dei roster è molto diversa e questo fa capire perché sono i campioni in carica, con merito, e perché hanno vinto la regular season, con merito e perché sono i favoriti e perché partono davanti a tutti. Dobbiamo essere molto umili e capire che partiamo da dietro, con una montagna da scalare se arriveremo lì, perché mi sembra ingenuo e completamente fuori luogo, tenendo conto che ci devi ancora arrivare li per cui non darei tutto per scontato e già fatto: sono cosciente che la nostra testa sia su Brindisi e spero che lo sia anche per i tifosi, che sono venuti a motivarci ieri in maniera molto affettuosa e motivante. Accettiamo con molta umiltà, cosi come hanno fatto i nostri capi, e me ne congratulo, quale sia la nostra dimensione e realtà. Dopo di che concentriamoci su Brindisi

 

Virtus Segafredo Bologna vs Happy Casa Brindisi. Palla a due domani, sabato 13 maggio 2023, ore 20.30 Virtus Segafredo Arena. 

Diretta: Nove, Eleven Sports e Radio Nettuno Bologna Uno.

Arbitri: SAHIN T. – ATTARD B. – BORGO C.

Rientrano tra i giocatori convocabili Daniel Hackett e Milos Teodosic.

Biglietti online. Biglietteria in Piazza della Costituzione dalle ore 18.30 di domani, sabato 13 maggio.

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *