Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

La Virtus si riscatta batte il Pana e ribalta il confronto diretto 74-64

Scritto da il 19 Gennaio 2023

nella foto Virtus : Toko Shengelia torna alla migliore forma fisica e trascina i suoi ad una vittoria importantissima che consente di tenere aperta la possibilità dei play off eurolega

Segafredo Virtus Bologna vs Panathinaikos Atene 74-64 1°q 18-11 2°q 43-30 3°q 55-51 arbitri : Ryzhyk, Difallah e Obrknezevic

Segafredo Virtus Bologna : Cordinier 5   Belinelli n.e.  Pajola 0 Bako 11 Jaiteh 8 Lundberg  9 Shengelia 16 Hackett 7  Mickey 1 Weems n.e.  Ojeleye 5  Teodosic 12   all.re Scariolo

Pamathinaikos Atene : Kalaitzakis 0   Wolters 15  Lee  7  Papagiannis  6  Williams  10  G. Kalaitzakis 0 Bacon 8 Chougkaz  n.e. Ponitka 13   Grigonis 3  Gudaitis  2      all.re  Radonjic

La difesa della Virtus decisiva per battere il Panathinaikos

La Virtus vince una gara importantissima (la nona della sua Eurolega), ribaltando il confronto diretto di Atene terminato ai supplementari e la misura numerica dello scarto è addirittura inferiore all’andamento della gara. La squadra di Scariolo ha condotto quasi sempre nel punteggio, dominato nel gioco gli avversari sopratutto in difesa. La chiave del match è stata la difesa sul folletto Lee limitato a soli 7 punti e sopratutto contenuto nella possibilità di fornire assist e creare soprannumeri, nonchè alla guardia strettissima su Bacon, l’americano capocannoniere del torneo, che da 19 partite realizzava almeno 12 punti (l’ultima furono 26) e tenuto a 8 punti con un desolante 1 su 4 da 2 punti e addirittura 1 su 7 dall’arco.

I centri della Virtus questa volta sono stati determinanti

Anche nel pitturato i centri della Virtus hanno stravinto il confronto diretto con la coppia Papagiannis –  Gudaitis, un disastro il greco e un paracarro il lituano che era reduce da un’ottima prestazione con 12 punti. Questa volta Jaiteh ma sopratutto Bako hanno dominato in difesa e in attacco si sono sempre fatti trovare pronti sulle linee di passaggio. La Virtus ha avuto uno straordinario protagonista in Toko Shengelia la cui forma fisica comincia ad assomigliare a quella dello scorso anno, il Georgiano è stato la spina nel fianco della difesa ateniese che non è mai riuscita a contenerlo (+24 di valutazione). Insieme a lui Teodosic che è partito bene ma nelle curve del match ha lasciato per strada 7 palle perse, Scariolo lo ha panchinato per farlo riposare e lo ha rimesso in campo negli ultimi 6 minuti e il Serbo lo ha ripagato con punti e assist determinanti.  Mickey in campo solo 11′ è stato impalpabile, Lundberg buona prova al tiro, a rimbalzo e in difesa ma il Danese purtroppo non riesce a dare la palla ai centri e in questo modo con lui in campo le difese collassano sugli esterni. Grandissima prova difensiva al solito di Pajola e Ojeleye meno positivo del solito in attacco ma la sua difesa su Bacon è da applausi. Cordinier ha proseguito nel recupero fisico, partito male, il francese negli ultimi minuti ha fatto giocate determinanti. Hackett ha fatto il suo sia in difesa che in attacco 2/3 da tre punti ma ben 8 rimbalzi e +16 di valutazione secondo della Virtus subito dopo Shengelia.

Il Panathinaikos pessimo in attacco

I Greci hanno tirato col 48% da 2 e appena il 27% da 3 e in questi numeri è ovvio che ci sia lo zampino della difesa bianconera ma la squadra di Radonjic non ha quasi mai fatto scelte oculate non ha mai avuto pazienza ad attaccare i punti deboli delle varie difese che Scariolo ha proposto e i bianco verdi in vantaggio di due punti per pochi secondi ad inizio del 4° quarto non hanno mai dato l’impressione di poter vincere la gara.

La cronaca

Fin dalle prime battute la Virtus ha tenuto in pugno la gara sia nel punteggio che nel gioco. Jaiteh ha iniziato male ma Scariolo ha messo subito Bako e il belga lo ha ripagato con due stoppate in difesa e 2 canestri importanti. Tutto il gioco d’attacco girava attorno a Shengelia che, dal post basso, ha comandato tutto, sia mettendosi in proprio (7 punti nel primo quarto) e fornendo assist upò a tutti. Finito il 1° quarto avanti di 7 (18-11), le Vnere hanno tenuto il piede schiacciato sull’acceleratore e hanno chiuso il 1° tempo 43-30.

Nel 3° quarto la Virtus ha subito un primo recupero ateniese 44-39 in 3′, però la squadra di Scariolo si è scrollata di dosso i bianco verdi e ha riportato il vantaggio in doppia cifra 49-39 a 4’45, però Ponitka e un risveglio dal letargo di Papagiannis consentivano alla squadra di Radonjic di riaprire la partita, 44-39 alla penultima sirena. Tutti si aspettano che la gara diventi in salita per la Virtus anche perchè i primi 3′ sono di sofferenza per Bologna e il Pana va avanti di 2 (55-57) con la palla in mano 3 volte per dilatare il vantaggio. A questo punto ritorna però il mago Teodosic i bianconeri piazzano un contro break di 9 a 0, i Greci sono alle corde la Virtus va anche a +12 a 1’38 e chiude con una vittoria convincente.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *