Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

A ULM CONTRO LA RATIOPHARM UNA VIRTUS DA BATTAGLIA

Scritto da il 24 Gennaio 2022

nella foto Virtus : Mam Jaiteh centro della Virtus in una fase della gara d’andata contro la Ratiopharm Ulm in cui dominò sotto i tabelloni.

Domani sera (ore 19,00 Ratiopharm Arena, Sky sport arena, Eleven sport) la Virtus affronta in Eurocup i tedeschi dell’Ulm, battuti all’andata ma che si trovano in un momento di grazia nella seconda competizione europea avendo sconfitto nettamente in Montenegro il Buducnost di Cobbs e Reed mercoledì scorso.

La Virtus è già in Germania e quando scenderà sul parquet saranno trascorse meno di quarantotto ore da quando ha abbandonato il Palapentassuglia. Non avrà ovviamente Nico Mannion rimasto a Bologna perchè positivo ad un molecolare per il Covid, poichè dovrà avere almeno due tamponi negativi prima di riprendere gli allenamenti e le gare, nonostante sia assolutamente asintomatico, Red Mamba rischia di perdere ulteriore tempo per ritrovare un’accettabile condizione.

I tedeschi hanno avuto un giorno in più per riposare e preparare la gara (hanno giocato e vinto in casa sabato la 18a giornata), nel pezzo su queste stesso colonne di sabato 22, Franco Vannini ha presentato con dovizia di particolari gli avversari delle Vnere. Una squadra molto ostica che ha un unico limite : è una squadra corta in cui in sei tengono il campo per molti minuti (quasi 30′ a testa). Questo potrebbe essere un handicap contro la Virtus che, nonostante le tante assenze, ruota almeno 10 giocatori (e a Brindisi ha mandato 5 in doppia cifra).

All’andata Ulm fu dominata sotto canestro da Mam Jaiteh, nel pitturato gli arancioni, schierano Cristiano Felicio una montagna umana che ha nella lentezza il suo tallone d’Achille. Tuttavia Ulm è un’ottima squadra più forte in trasferta che tra le mura amiche. Tuttavia la Virtus vista a Brindisi se non pagherà un eccessivo tributo alla stanchezza ha tutte le carte in regola per uscire vittoriosa dalla Ratiopharm Arena. Certamente le assenze della squadra di Scariolo sono pesanti e variegate essendo dislocate sia nel settore esterni (Teodosic e Mannion) che nel settore ali (Hervey). Tutto dipenderà dalla difesa che al Palapentassuglia è stata per molti minuti la migliore della stagione.

Scariolo ha bisogno che Alibegovic e Sampson, le due ali che dovranno sostituire Hervey, ripetano l’ottima prova in terra pugliese, il vero problema bianconero, inutile nasconderlo, è in regia dove in 3 debbono garantire minuti di grande qualità, insomma la Virtus è pronta ma deve attendersi una gara difficile e combattuta, una battaglia sportiva.