Lunedì 10 febbraio ore 18 a “Un’ora d’autore” su Radio 5.9 con Enzo Pennetta e Marco Gervasoni

Lunedì 10 febbraio 2020 torna l’appuntamento di Radio 5.9 con “Un’ora d’autore“. Dalle ore 18.00 saremo in diretta con il professor Enzo Pennetta autore con Ettore Gotti Tedeschi del libro “Contro il politicamente corretto. La deriva della civiltà occidentale” e con lo storico Marco Gervasoni autore del libro “La rivoluzione sovranista. Il decennio che ha cambiato il mondo“. Entrambi i testi sono editi dalla casa editrice Giubilei e Regnani.

Nel corso della puntata, grazie alla  Libreria La Fenice di Carpi, partner della trasmissione, vi forniremo interessantissimi suggerimenti letterari e la classifica settimanale dei libri più venduti.


Contro il politicamente corretto. La deriva della civiltà occidentale 

Il pensiero politicamente corretto è uno strumento moderno per obbligare al consenso senza l’uso della forza fisica, è quello dell’epoca descritta da Nietzsche e da lui definita dell'”ultimo uomo” dove esiste un solo gregge e nessun pastore e dove chi ha un diverso sentire “va da sé al manicomio”. Il politicamente corretto è nato proponendosi come un modo per rispettare le diversità e le sensibilità altrui ma è diventato presto un modo per imbrigliare nell’accusa di intolleranza e odio qualsiasi parere contrario a quello che i pensatori di riferimento impongono come modello culturale. Parafrasando Orwell, se nell’epoca dell’inganno dire la verità è un atto rivoluzionario, nell’epoca del politicamente corretto esprimere pensieri politicamente scorretti è il primo e più potente atto sovversivo.

La rivoluzione sovranista. Il decennio che ha cambiato il mondo

La crisi del 2007-2008 è spartiacque fondamentale per comprendere il nostro presente, quello del continente europeo e naturalmente quello italiano, a partire da una cambio di paradigma mondiale, che investe gli Usa, la Cina, la Russia e cosi via. In questo breve saggio Marco Gervasoni prende in considerazioni alcuni fenomeni, se non prodotti, ingigantiti dalla più devastante crisi economica vissuta dal sistema economico mondiale dopo quella del 1929 e che, come tale, non è stata solo economica ma anche una crisi di identità dell’Occidente. Dal declino della classe media al fallimento di una élite liberale e globalista, dal cambio di missione degli old media (giornali, tv), diventati sempre più la voce autoreferenziale di questa élite in decadenza, all’affermarsi di una politica digitale profondamente legata ai movimenti cosiddetti populisti e sovranisti. Gervasoni in realtà, più che di populismo e di sovranismo, concetti che pure sono dotati di un loro senso, preferisce parlare di nazionalismo, e traccia qui il profilo di movimenti che sono al tempo stesso rivoluzionari e nazional-conservatori.


 Segui la diretta ogni lunedì dalle 18:00 alle 19:00 su https://www.radio5punto9.it/
 App gratuita Apple e Android “Radio 5.9”