L’Ora Rossa – La dirigente del Galilei di Ostiglia Lucia Scolaro a Radio 5.9: “Scuola rafforzi il proprio ruolo di agenzia educativa. Importanti gli strumenti dedicati alla didattica a distanza”

A “L’Ora Rossa” di questa sera è intervenuta la professoressa Lucia Scolaro, dirigente dell’Istituto Galileo Galilei di Ostiglia, in provincia di Mantova, per un approfondimento sulle sfide affrontate dal mondo della scuola in questi giorni difficili:

“La crisi pandemica ha colto tutti di sorpresa, anche chi, come il nostro Istituto, è riuscito a convertire in tempi celeri gran parte della didattica in modalità online. A due mesi di distanza, dall’inizio del lockdown, la didattica a distanza è divenuta la via per offrire il proseguo del percorso formativo ai nostri studenti, una sfida difficile ma che per ora ci vede soddisfatti dei risultati. 

La collaborazione con LTO, Laboratorio Territoriale per l’Occupabilità, è costante e importante per noi. Stiamo lavorando per rendere la nostra “Officina Galilei” un laboratorio diffuso che possa integrarsi al nostro territorio, vicina alla collettività e alle imprese. Stiamo lavorando sulla robotica e l’innovazione, tutto questo sarà importantissimo visto anche le sfide che si presenteranno nel futuro prossimo.

Da non sottovalutare il ruolo sociale della scuola: partendo dal presupposto che non sarà possibile tornare alla vita di prima, dobbiamo iniziare a formare, specialmente le nuove generazioni, ai cambiamenti verso i quali la nostra società andrà incontro. Non va perso, da parte della scuola, il suo ruolo di “agenzia educativa”, con lo spirito di non lasciare nessuno da solo. Stiamo studiando nuovi spazi di socializzazione, tra cui anche la creazione di una web radio in grado di mettere in contatto, attraverso rubriche e approfondimenti, tanti studenti e personalità del mondo imprenditoriale, sociale e culturale.” 

Ogni giorno alle ore 19.00 e la domenica alle ore 15.00 “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Riascolta l’intervista completa