Il Coronavirus cancella il Carnevale di Rio: rinviato a data da destinarsi il festival famoso in tutto il mondo

Rio de Janeiro non vedrà gli sfavillanti colori del Carnevale nel 2021

Il grande festival doveva tenersi nel febbraio 2021, ma è stato posticipato fino a data da destinarsi

Il famosissimo Carnevale di Rio de Janeiro è stato posticipato a data da destinarsi: la decisione è stata presa dalle scuole di samba della città brasiliana che ogni anno organizzano la manifestazione. Il Brasile sta avendo a che fare con il secondo dato al mondo di morti e contagi per il Coronavirus.

Le scuole di samba che tradizionalmente organizzano il Carnevale hanno preso la sofferta decisione e hanno già confermato che non lo organizzeranno finchè non sarà trovato un vaccino. “Siamo arrivati alla conclusione che l’evento dovesse essere posticipato” ha detto Jorge Castanheira, il presidente del gruppo che organizza la parata annuale, la Lega Indipendente delle Scuole di Samba di Rio de Janeiro (LIESA). “È estremamente difficile fare il Carnevale senza il vaccino; non c’è modo di organizzarlo in totale sicurezza”.

Il Brasile al momento sta avendo a che fare con la fase più grave della pandemia, e il Carnevale di Rio sarebbe un problema ulteriore in questo caso: è un festival grandissimo con assembramenti di persone che ballano liberamente per le strade e lungo il Sambodromo, l’iconico luogo della città in cui le scuole di samba sfilano con i carri in maschera, e non ci sarebbe modo di moderare e limitare le persone senza snaturare il tutto.

Il Carnevale di Rio porta ogni anno milioni di persone per le strade della città brasiliana, dai turisti brasiliani ai curiosi e appassionati da tutto il mondo.

L’annuncio della LIESA si applica solo alla competizione tra le scuole di samba, che richiama le 13 migliori scuole di samba da tutto il Paese. Il Carnevale però include anche molti altri eventi, incluse situazioni informali in giro per le strade di Rio (i cosiddetti “bloco”), che non sono ancora stati formalmente annullati o vietati dalle autorità cittadine.

Il Brasile ha avuto 4.660.000 di diagnosi e infezioni di Covid-19 e circa 140.000 morti, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Nelle ultime due settimane nel Paese si è registrata una media di circa 30.000 casi e 735 morti, secondo i dati del Ministero della Salute brasiliano. Rio de Janeiro è il secondo stato brasiliano più colpito, dopo lo stato di San Paolo.