Frosinone: ergastolo per i fratelli Bianchi accusati della morte di Willy Monteiro Duarte

Scritto da il 5 Luglio 2022

Immagine di repertorio©Minichiello / AGF

Nella notte tra il 5 e il 6 settembre del 2020 a Colleferro (RM), un ragazzo di 21 anni, Willy Monteiro Duarte, nell’intento di aiutare un suo amico, venne ucciso a calci e pugni.

Una furia durata trenta secondi, un’aggressione per cui l’autopsia sul corpo del ragazzo stabilirà la difficoltà nel trovare un organo intatto e che addirittura il cuore presentava una ferita lunga sette centimetri.

Per quel pestaggio a morte, oggi, la Corte d’Assise di Frosinone ha condannato all’ergastolo i fratelli Gabriele e Marco Bianchi, a 23 anni Francesco Belleggia e a 21 anni Mario Pincarelli. I giudici hanno inoltre disposto una provvisionale di 200mila euro per ciascuno dei genitori della vittima e di 150mila euro alla famiglia di Willy.

Un fatto di cronaca agghiacciante e che, inevitabilmente, riporta alla mente il caso di Emanuele Morganti, ucciso a seguito di un pestaggio avvenuto all’esterno di un locale ad Alatri (FR).

 


 

 


Traccia corrente

Titolo

Artista

Background