LA VIRTUS VINCE GARA 3 E VA IN SEMIFINALE (55-75)

Scritto da il 19 Maggio 2022

nella foto Virtus : Daniel Hackett autore di una prova da vero leader contro la sua ex squadra

Carpegna prosciutto Pesaro vs  Virtus Segafredo Bologna.  ris. finale 55-75  1°quarto 19-21  2°quarto 35-35  3°quarto 45-59  Arbitri: Sahin, Baldini, Bongiorni

Carpegna Prosciutto Pesaro : Mejeris  7  Moretti 7  Tambone 7  Camara 0  Lamb 15   Zanotti  2  Sanford  4    Demetrio  n.e.  Delfino   5    Jones   8         all.re Banchi

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA : TESSITORI 4  CORDINIER  6 MANNION  0  BELINELLI 11   PAJOLA  3  ALIBEGOVIC  9  HERVEY   7  (7 rimbalzi) RUZZIER   0   JAITEH   15 (75% da 2)     HACKETT 12  SAMPSON 0  WEEMS 8 (9 rimbalzi)       all.re Scariolo

Niente Teodosic nella Virtus questa volta nemmeno nei 12, al suo posto Michele Ruzzier. La Vitrifrigo Arena quasi sold out con una foltisima rappresentanza Virtussina a spingere i bianconeri. In tribuna Valentino Rossi e Francesco Bagnaia a sostenere i bianco rossi di casa.

La Virtus soffre un pò nel 1° tempo quando la Carpegna tenta di sfruttare la partenza un pò imballata delle Vnere e, nel secondo quarto con alcune triple di Lamb, Tambone e Mejeris conquista il massimo vantaggio 29 a 23. Poi Moretti commette il 3° fallo, migliora la difesa su Lamb, Jaiteh comincia a macinare il suo gioco sotto canestro e la Virtus impatta andando negli spogliatoi col risultato in parità 35-35.

La spallata decisiva la squadra di Scariolo la porta nel 3° quarto (21 a 10 nel periodo), Pesaro esaurisce la benzina e smette di fare canestro, mentre Jaiteh e Hackett fanno la voce grossa, Moretti commette il 4° fallo, gli arbitri fischiano un fallo su tiro pesante di Belinelli, Banchi s’infuria e becca un tecnico, il capitano della Virtus in lunetta allarga il solco e la squadra di Scariolo alla fine del 3° quarto conduce 45-59.

Ci sarebbe il tempo per rimediare ma Pesaro sembra alzare bandiera bianca svuotata di energie sopratutto mentali. L’ultimo quarto è pura accadema, si vede un buon Alibegovic ma la Virtus sopratutto in difesa non fa sconti e continua a tenere Pesaro sotto pressione. Si rivede Hervey sempre un pò svagato ma almeno presente a rimbalzo e in difesa.

Per la Virtus grande partita da vero leader di Daniel Hackett che ha indirizzato la partita con una difesa asfissiante su Moretti, Isaia Cordinier si è dedicato alla marcatura di Sanford l’esterno che in gara 1 era stato top scorer e gli ha lasciato la miseria di 4 punti mettendolo in pratica ai margini della gara. Tra i bianconeri la solita prova positiva di Pajola e Weems, di Tessitori appena è stato impiegato, ottima gara di Alibegovic, Hervey si è reso utile mentre Sampson ha incontrato una serata no sopratutto al tiro. Belinelli è stato chirurgico mettendo i tiri importanti.

Pesaro ha fatto il massimo che la disparità fisica e tecnica le consentivano.  Alla fine l’applauso dell’arena riservato a Carlos Delfino ha fatto pensare all’addio dell’argentino al basket giocato, se sarà così onore al merito dell’argentino per una carriera lunghissima e straordinaria.

 

Isaia Cordinier autore di una grandissima prova difensiva con cui ha pressochè annullato il pesarese Sanford

 

 


Traccia corrente

Titolo

Artista

Background