È morto Gino Strada, fondatore di Emergency

Scritto da il 13 Agosto 2021

Amici, il mio papà Gino Strada non c’è più. Io vi abbraccio ma non posso rispondere ai vostri tanti messaggi (grazie), perché sono qui: dove abbiamo appena fatto un soccorso e salvato vite. È quello che mi hanno insegnato lui e la mia mamma. Abbracci forti a tutte e tutti.” Queste le parole che Cecilia Strada affida ad un tweet per comunicare la morte di suo padre.

Gino Strada, nato a Sesto San Giovanni il 21 aprile 1948,  si era laureato in Medicina e Chirurgia all’Università Statale di Milano per poi specializzarsi in Chirurgia d’Urgenza.

Tra il 1989-1994 lavora con il Comitato internazionale della Croce Rossa in varie zone di conflitto: Pakistan, Etiopia, Perù, Afghanistan, Somalia e Bosnia ed Erzegovina. Da questa esperienza nasce, nel 1994,  Emergency, fondata insieme alla moglie Teresa e a un gruppo di colleghi.

L’associazione umanitaria internazionale impegnata nella riabilitazione delle vittime della guerra e delle mine antiuomo ha fornito assistenza gratuita a milioni di pazienti, promuovendo la costruzione di ospedali e posti di primo soccorso in 18 Paesi nel mondo. Nel 2006 Emergency viene riconosciuta partner delle Nazioni Unite – Dipartimento della Pubblica Informazione.

Gino Strada, attualmente, ricopriva il ruolo di direttore esecutivo della onlus.

Anche il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha fatto sapere in una nota di aver appreso con tristezza della morte di Gino Strada: “Ha trascorso la sua vita sempre dalla parte degli ultimi, operando con professionalità, coraggio e umanità nelle zone più difficili del mondo. L’associazione “Emergency”, fondata insieme alla moglie Teresa, rappresenta il suo lascito morale e professionale. Alla figlia Cecilia, a tutti i suoi cari e ai colleghi di Emergency, le più sentite condoglianze del Governo“.

 

 

Taggato come

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background