Quota 100 già in pensione: dal 2021 gli italiani andranno in pensione più tardi

Roma, 11 gennaio 2020 – Non è neanche spuntata all’orizzonte, ma già i sindacati e il ministro del Lavoro stanno provvedendo, chi più chi meno, a contestarla. Eppure la cosiddetta quota 102 per il pensionamento anticipato, intesa come somma di 64 anni di età e 38 di contributi, potrebbe prendere realmente il posto di quota 100 alla scadenza dell’attuale meccanismo (dal 2022) o addirittura prima, nel 2021. La soluzione, più volte emersa e poi scomparsa, è sostenuta da un’ampia area di tecnici e politici del Pd e centristi, con Alberto Brambilla, esperto di welfare, leghista di lungo corso ma ormai indipendente, a fare da promotore della soluzione.