Pornografia minorile nel pc di un finanziere: arrestato dai suoi stessi colleghi

Un maresciallo della Guardia di Finanza di 43 anni in forza al Gruppo Aosta è stato arrestato in seguito a una indagine avviata per delle falsificazioni di attestazioni rilasciate dall’ASL; in seguito, sul suo computer, è stato trovato materiale pedopornografico.

Tutto è partito a seguito di una denuncia avviata a carico del maresciallo originario della provincia di Lecce per delle attestazioni falsificate, create ad hoc per beneficiare – si apprende dalle indagini – di periodi di licenza straordinaria.

Dalle perquisizioni avvenute nella sua abitazione e dopo un’indagine più approfondita, in cerca di altro materiale utile alle indagini, i colleghi della Guardia di Finanza del Gruppo Aosta hanno scoperto il materiale pedopornografico in questione, mettendo in una nuova posizione il maresciallo indagato.

I finanzieri avevano già sottoposto il maresciallo a procedimento disciplinare cosiddetto “di stato”, cioè di fatto mettendo in dubbio la sua stessa permanenza dei ranghi del corpo; dalla scoperta dei nuovi fatti – ritenuti “riprovevoli oltre ogni misura” dai colleghi – la situazione si aggrava molto e la vicenda verrà trattata con ulteriore vigore.