L’Ora Rossa – Davide Lonardi di Acetaia Villa San Donnino a Radio 5.9: “Settore fortemente colpito. Decreto Cura Italia insufficiente, alle imprese serve di più”

A “L’Ora Rossa” di questa sera è intervenuto l’imprenditore modenese Davide Lonardi, titolare della storica Acetaia Villa San Donnino di Modena, che ha parlato agli ascoltatori di Radio 5.9 della situazione del proprio settore a seguito dell’emergenza coronavirus:

“L’emergenza coronavirus ci ha colpito duramente la nostra attività essendoci noi da sempre organizzati per la ricezione turistica. Già alla metà di febbraio sono arrivate le prime cancellazioni. Il problema è che questa situazione si ripercuoterà per tutta la stagione dato che le agenzie hanno già cancellato le preonatozioni almeno fino a giugno. 

Il Decreto “Cura Italia” lo ritengo una misura insufficiente, augurandomi si tratti solamente di un primo passo che lasci spazio a misure ben più energiche. Purtroppo varie categorie sono fuori da questo decreto e questo sarà un problema. Anche noi potremmo avere difficoltà figurando come “produttori di condimenti” essendo che, larga parte del nostro fatturato, circa l’80%, è derivante dalle visite turistiche e quindi rischiamo di non aver accesso ad adeguati contributi. Attualmente per le nostre dipendenti abbiamo fatto richiesta della Cassa Integrazione in Deroga ma bisognerà capire le tempistiche, tuttavia, per un’azienda come la nostra le prime nuove prenotazioni saranno da rimandare al prossimo anno. Le piccole e medie imprese sono in una situazione drammatica, la prima cosa, naturalmente, è uscire da questa emergenza sanitaria ma poi bisognerà ripartire. 

Oggi la necessità è quella di un congelamento del pagamento delle imposte, se non ci sono entrate non possono essere sostenute delle uscite. Poi chiederei uno sguardo attento al settore turistico che per il nostro paese è fondamentale. In questi anni Modena ha visto una crescita importante dei turisti, grazie alla cucina, ai motori, alla storia e a personaggi come Pavarotti ieri, oppure Bottura oggi, che con il proprio talento hanno portato il mondo nel nostro territorio. Perdere tutto questo sarebbe terribile e non possiamo permettercelo.”

Ogni giorno alle ore 19.00 e la domenica alle ore 15.00 “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Riascolta l’intervista completa