Caffè Lungo: In fondo al bar

Gli opinionisti da bar sono la peggior compagnia possibile: parlano per dare aria alla bocca, quando non è ricolma di cibo o altre amenità che favoriscono l’attività gastrica, credono di avere la verità in tasca e sono convinti che la loro opinione interessi davvero a qualcuno che non sia il muro verso il quale hanno passato la maggior parte della loro infanzia, in quanto sovente spediti dietro una lavagna.

Devono mettere becco in ogni minima cosa, l’ultima delle quali è il colore della pelle di un’attrice. Il riferimento è ad Halle Bailey, cantante statunitense, che interpreterà il personaggio della sirenetta Ariel nel live action Disney. Sono scattate subito le polemiche sul fatto che questa scelta non rispetti il personaggio originale (capelli rossi e pelle chiara), con tanto di petizione on line per chiedere la sostituzione dell’attrice.

Ovviamente, gli opinionisti da bar, improvvisandosi massimi esperti di cinema, hanno dovuto berciare su questa scelta, virando sul fattore del colore della pelle, fino quasi a varcare i discorsi della superiorità della razza bianca. Insomma, hanno perso l’ennesima occasione per stare in silenzio: non sono nemmeno uscite le riprese e già fioccano le critiche, naturalmente non costruttive né richieste. Ed è assurdo che ciò accada nel 2019… ah no, scusate, non lo è affatto. Purtroppo.

C’è una cosa, però, che non riesco a capire: perché gli opinionisti da bar non hanno aperto bocca quando è stato scelto Jason Momoa per interpretare Aquaman, notoriamente un personaggio con capelli biondi e occhi azzurri? Troppo impegnati a sentenziare su altro, immagino. Ma i nostri (non) eroi hanno recuperato in questa occasione, raschiando per l’ennesima volta il fondo del barile. Andando sempre più giù, tanto per restare in tema Sirenetta, in fondo al… bar. Federico Bonati