Addio a Marco Sguaitzer, l’ex calciatore mantovano diventato simbolo della lotta alla SLA

Questa mattina la Sclerosi laterale amiotrofica si è portata via Marco Sguaitzer: l’ex calciatore mantovano da oltre dieci anni era diventato il simbolo della lotta alla SLA attraverso un’incessante attività di promozione della ricerca con l’associazione “Marco S. – No Alla SLA” e attraverso numerosi incontri pubblici e altre attività di carattere divulgativo.

Abbiamo perso un combattente. Una persona che anche dovendo affrontare una battaglia contro un male implacabile non aveva perso la voglia di vivere e di lottare. Una persona che ha cercato di trasmettere la sua mentalità ai ragazzi e alle ragazze delle scuole che incontrava e ai fidati collaboratori che l’hanno aiutato con dedizione nell’aumentare la consapevolezza sulla sua malattia.

Vogliamo ricordarlo così Marco Sguaitzer, quando abbiamo avuto l’onore di conoscerlo, insieme alla moglie Aiste, all’ex arbitro di Serie A Massimiliano Saccani e al presidente della Caramella Buona Roberto Mirabile, nel giorno del ritiro del premio all’Impegno Sociale al “Gala dello Sport Mantovano 2017“. Buon viaggio Marco. Grazie di tutto.